Domenica, 20 Giugno 2021
Donna

Dai tacchi alti ai jeans stretti: quando la moda fa male alla salute

Tacchi esagerati, jeans aderentissimi, gioielli voluminosi, ma anche cravatte troppo strette e scarpe da ginnastica sono i capi e gli accessori che, alungo andare, possono rivelarsi dannosi per il fisico

Ha fatto molto discutere e riflettere il caso della 35enne australiana a cui è stato necessario tagliare i jeans particolarmente stretti perché non era più in grado di camminare, vittima, secondo i medici, della cosiddetta "sindrome compartimentale" che, impedendo al sangue di circolare bene a causa della pressione del tessuto, le aveva provocato la tumefazione dei muscoli.

Tuttavia, purtroppo per le 'fashion victim', l'indumento in questione non è il solo a mettere in pericolo la salute, considerando che anche altri sono i capi e gli accessori di moda che a lungo andare possono danneggiare il fisico di chi li indossa.

- I tacchi troppo alti. Se portati troppo a lungo e per troppo tempo i tacchi alti danneggiano la schiena, compromettendo la postura e mettono a rischio i legamenti delle ginocchia causando problemi di circolazione, borsiti e calli.

- Le infradito. Modificando la camminata, questi sandali apparentemente comodissimi spostano la pressione della falcata sull’esterno del piede anziché sul tallone e possono così provocare danni a lungo termine non solo alle dita, ma anche ai muscoli della gamba, senza contare il rischio "inciampo" che può provocare distorsioni o fratture.

- Il corsetto. Tornato in auge grazie alle star del burlesque, questo corpetto strizzavita è sconsigliato dai medici per l’eccessiva pressione che viene esercitata su stomaco e polmoni, causa di bruciori, disturbi digestivi e difficoltà respiratorie e per la posizione innaturale che fa assumere al seno.

- La cintura. Se portata troppo stretta può premere sul nervo femorale e scatenare dolori, intorpidimento degli arti e formicolii.

- La minigonna. Stando ad un recente studio, le gonne troppo corte indossate in una serata particolarmente fredda o comunque in inverno possono aumentare il rischio di cellulite: quando infatti il corpo viene esposto all’aria gelida, reagisce costruendo uno strato di grasso protettivo che si deposita laddove non dovrebbe. 

- Il reggiseno. Oltre il 70% delle donne indossa un reggiseno di taglia sbagliata e questo errore può avere ripercussioni su schiena, collo e torace, creando problemi di postura e di circolazione sanguigna, difficoltà respiratorie e irritazioni cutanee. 

- La cravatta. Se portata troppo stretta riduce il flusso di sangue al cervello e aumenta la pressione all’interno dell’occhio, causando così emicranie croniche, fastidi alle orecchie e vista offuscata, mentre i limitati movimenti del collo possono scatenare tensioni muscolari all’altezza delle spalle e lungo la schiena.

- Le maxi borse. Quando sono grandi e capienti causa dolori al collo e alla schiena e danni alla postura. E ancora peggio dicasi per i modelli da portare sull’avambraccio, perché in questo caso il sollevamento unilaterale della borsa aumenta il rischio di affaticare i muscoli.

- Gli orecchini oversize. A lungo andare rischiano di far deformare i lobi. 

- Le scarpe da ginnastica. I piedi accaldati e sudati e le infezioni sono una conseguenza inevitabile dell’uso prolungato delle sneakers, che non a caso contengono una quantità di spore fungine 75 volte superiore a quelle che si trovano in un water. Da non sottovalutare nemmeno il rischio unghia incarnita, assai frequente in chi predilige questo tipo di scarpe.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai tacchi alti ai jeans stretti: quando la moda fa male alla salute

Today è in caricamento