Martedì, 18 Maggio 2021

Vent’anni di seni ‘gonfiati’: auguri Wonderbra!

La storia del reggiseno delle meraviglie che rimpolpa da due decenni i décolleté poveri di volume e di forza antigravitazionale

Eva Herzigova

C’erano una volta i seni minuti, piccole protuberanze tristi e smunte che -consce della loro deficienza in fatto di volumi- si nascondevano sotto maglie e vestiti ampi e tentavano di celare il nemmeno tanto incoffessato desiderio di diventare, prima o poi, più turgidi e fiorenti. 

Dovettero pazientare tanto quelle tenere coppette, spesso anche prive anche dello 'chamapgne' che ne nobilitava l’esiguità, tanto erano scialbe, finché quel giorno del 1994 non debuttò sul mercato il miracolo del push up, un reggiseno messo in commercio dall’azienda Wonderbra capace di ricreare in forma tessile la sostanza carnale mancante, grazie ad una mascalzona imbottitura situata nella coppa.   

L’invenzione del primo rudimentale modello si deve alla stilista canadese Louise Poirier nel 1961, ma è solo quando la scollatura di Eva Herzigova causò vertigini e incidenti stradali -posta com’era sui manifesti che ne pubblicizzavano l’acquisto-  che ne venne colta la portata rivoluzionaria e scattò la corsa all’accaparramento, a volte rivelato, a volte negato fino alla morte (in questi casi, spesso, si giustificava il sospetto rimpolpamento con sedicenti ormoni impazziti o con lo sviluppo fisico particolarmente tardivo).

Fu poi la volta del décolleté di Adriana Sklenarikova Karembeu, supermodella slovacca famosa per le sue gambe lunghe come un’autostrada, della russa Inna Zobova, di uno stuolo di ragazze con indosso il "Multiplunge Bra" di Wonderbra immortalate alla National Gallery di Londra, il 16 novembre 2006.

E se anche la seducente Dita von Teese, regina del burlesque, ha posato con un reggiseno gigante per lanciare la collezione "Wonderbra by Dita Von Teese", nel settembre 2008, non c’è che dire: il reggiseno delle meraviglie si merita davvero un compleanno coi fiocchi, festeggiato come si deve con il manifesto della modella Adriana Cernanova che contempla le sue forme meravigliosamente rigogliose. 

E allora auguri, Wonderbra, da parte di tutte le donne che, grazie a te, hanno potuto godere a pieno del loro essere femmine, sbottonare camicette e buttar via i maglioni più goffi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vent’anni di seni ‘gonfiati’: auguri Wonderbra!

Today è in caricamento