Venerdì, 23 Aprile 2021

Assegno universale per i figli, cos'è e come funziona

Tra le misure principali del Family Act c'è il beneficio economico per le famiglie con figli. Sarà rivolto a tutte le famiglie, con l'importo che cambierà in base al reddito: ecco tutti i dettagli

Foto di repertorio

Sul Family Act, il pacchetto di misure per le famiglie approvato dal Consiglio dei ministri, manca ancora il passaggio necessario in Parlamento, ma una delle novità più rilevanti del disegno di legge è senza dubbio l'assegno universale per i figli. Ma quando potrebbe essere approvato? Come funzionerà? Proviamo a rispondere a queste domande.

Assegno universale per i figli, Bonetti: ''Potrebbe partire da gennaio 2021"

Sulle tempistiche dell'approvazione da parte del Parlamento non vi sono certezze, ma qualche indicazione su quando questa misura potrebbe divenire attiva è arrivata da Elena Bonetti, ministro per la Famiglia e per le Pari opportunità: ''Il Family act è una proposta del governo, deve andare in Parlamento che ha i suoi tempi. Ma siccome abbiamo fretta, c'è già una proposta incardinata in commissione, ne approfittiamo e ci inseriamo per rendere l'assegno universale operativo''. 

La ministra, ospite nella trasmissione televisiva 'Agorà' ha annunciato che la misura potrebbe essere operativa già dall'inizio del prossimo anno: "Per l'assegno universale, già la settimana prossima si va a votare in commissione. Volendo entro luglio si può approvare, poi bisogna fare i decreti attuativi e siccome il fondo per l'assegno parte dal primo gennaio 2021 mi auguro che le famiglie possano goderne da allora".

Assegno universale per i figli, cos'è e come funziona

I dettagli sull'assegno universale sono contenuti nell'articolo 2 del Family Act, che in poche parole è un beneficio economico attribuito a tutti i nuclei familiari con figli a carico. La misura è rivolta a tutte le famiglie italiane e avrà un importo minimo per tutti i nuclei familiari con uno o più figli, cui viene aggiunta una quota ulteriore e variabile determinata per scaglioni dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE). L'assegno è attribuito per ciascun figlia o figlio, fino ai diciotto anni di età e, nel caso di un figlio successivo al secondo, l’importo dell’assegno universale sarà maggiorato del 20%. 

Secondo quanto riportato dal testo del Family Act, l’assegno universale è riconosciuto a decorrere dal settimo mese di gravidanza, fino al diciottesmo anno d'età, e verrà attribuito mensilmente mediante la corresponsione diretta di una somma di denaro ovvero mediante il riconoscimento di un credito da utilizzare in compensazione dei debiti di imposta. Inoltre, l'assegno universale non concorrerà a formare il reddito complessivo del nucleo familiare. Infine, per quanto riguarda le famiglie con figli disabili, l'importo del contributo sarà maggiorato del 20%.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assegno universale per i figli, cos'è e come funziona

Today è in caricamento