Inps, sempre meno colf e badanti: ma quelle italiane sono in aumento

In crescita del 9 per cento le badanti italiane secondo i dati Inps aggiornati. Il lavoro in questo settore è quasi "un'esclusiva" delle donne, che sono l'88,4 per cento del totale

Aumentano le colf, tate e badanti italiane: secondo i dati Inps relativi al 2018 è in calo il numero di lavoratori domestici stranieri e sono complessivamente in ribasso, nel 2018, quelli contribuenti all'Inps, pari a 859.233, in calo dell'1,4 rispetto al 2017. Il lavoro in questo settore è quasi "un'esclusiva" delle donne, che sono l'88,4 per cento del totale.

Colf e badanti, in aumento i lavoratori italiani

La presenza dei lavoratori stranieri resta di gran lunga prevalente: nel 2018 risultano essere il 71,4 per cento del totale. Tuttavia, rispetto al trend decrescente del complesso dei lavoratori domestici, nel triennio 2016-2018 gli italiani mostrano un andamento decisamente crescente pari al +11,4 per cento. Nell'ultimo anno a livello regionale i lavoratori domestici italiani aumentano in quasi tutte le regioni, in particolare in Umbria (+7 per cento), Friuli Venezia Giulia (+6,3 per cento) e Toscana (+6 per cento). Al contrario i lavoratori domestici stranieri nel triennio diminuiscono del 6,3 per cento, -3,3 nell'ultimo anno.

Lavori domestici, la maggior parte proviene dall'Europa dell'Est

I lavoratori domestici che ogni giorno aiutano gli italiani provengono in gran parte dai Paesi dell'Europa dell'Est: sono ben 362.294, pari al 42,2%. Le colf costituiscono nel 2018 il 53 per cento del totale dei lavoratori. Il numero di badanti registra un lieve incremento (+1,5 per cento), più elevato per i lavoratori di nazionalità italiana (+9,1 per cento). Il numero di colf, invece, evidenzia un decremento pari al -3,7 per cento, influenzato maggiormente dalla diminuzione dei lavoratori provenienti dall`Europa dell'Est (-6,9 per cento) e dall'Africa del Nord (-12,6 per cento), mentre presentano un lieve incremento i lavoratori provenienti dall`America Centrale (+0,6) e gli italiani (+0,4).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Colf e badanti, Lombardia in testa tra le regioni italiane

Nel nostro Paese la regione che presenta il maggior numero di lavoratori domestici è la Lombardia, con 155.467 lavoratori pari al 18,1 per cento, seguita da Lazio (14,8 per cento), Emilia Romagna (8,8 per cento) e Toscana (8,7 per cento). In queste quattro regioni si concentra più della metà dei lavoratori domestici. Molto staccate le regioni del Sud.

Quanto costa (a tutti noi) il lavoro nero di colf e badanti: buco fiscale da 3 miliardi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il caldo, quello vero: allerta in 10 città ma il weekend subirà un'irruzione atlantica

  • Angelica Donati, figlia di Milly Carlucci, ottiene una carica istituzionale da record

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 1 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Elezioni regionali 2020: tutti gli ultimi sondaggi e le ultime notizie

  • Uomini e Donne, l'ex tronista Ludovica Valli: "Sto male, analisi costanti ma mi fido dei medici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento