Mercoledì, 3 Marzo 2021

Aumento Iva da scongiurare a tutti i costi: "Si rischia una frenata della ripresa"

Allarme di Confcooperative: "Sarebbero le fasce più fragili del paese a pagare il conto più pesante con oltre 4,5 milioni gli italiani che vivono in condizioni di assoluta povertà"

Da scongiurare a tutti i costi. "L'aumento dell'Iva è uno spettro che incombe sulla ripresa. Si rischia una frenata del PIL dello 0,2%. Sarebbero le fasce più fragili del paese a pagare il conto più pesante con oltre 4,5 milioni gli italiani che vivono in condizioni di assoluta povertà". È quanto afferma Roberto Savini nuovo presidente di Confcooperative Consumo e Utenza. Eletto all'unanimità dall'assemblea nazionale, Savini subentra al trentino Pierluigi Angeli.

L'assemblea di Confcooperative Consumo e Utenza è stata l'occasione per analizzare l'andamento dei consumi che evidenzia un'Italia con una forte polarizzazione socioeconomica. Da un lato la spesa ricca e "leggera" da oltre 10 miliardi l'anno in benessere. Dall'altra, l'Italia stretta dalle necessità, con almeno 6 famiglie su 10 che puntano alla spesa low cost.

Sull'Iva Di Maio ci mette la faccia

"La distribuzione cooperativa, nella crisi - precisa Savini - ha funzionato da cuscinetto nella crisi, strutturando un sistema di vendita profondamente diverso dal passato. Le vendite 3x2 sono state sostituite dalle promozioni a 0,99 centesimi e da quelle sottocosto. Un sistema molto meno remunerativo, ma che da risposte ai consumatori".

Aumento Iva "da scongiurare": tutti i cibi e le bevande che costerebbero di più

Nel 2017 le famiglie hanno aumentato la spesa per consumi (+2,5%) in misura superiore rispetto all'incremento del reddito disponibile (+1,7%), fattori che hanno determinato una  contrazione del risparmio delle famiglie che scende al 7,8% (-0,7% rispetto al 2016). La spesa principale, quella della casa, impegna oltre un terzo del budget (36,1% pari a 902 euro), di cui 590 euro vanno per l'affitto e il resto (312 euro) per pagare le utenze: acqua, luce e gas. La spesa maggiore, subito dopo la casa, è quella alimentare con 447 euro. Cala la sanità a 105 euro (erano 114 nel 2014). Sono dati che rappresentano un paese in difficoltà contiamo sulla sensibilità sociale del governo per dare fiato alla crescita".

Se l'Iva aumenta sono guai: altra stangata da 480 euro a famiglia

I numeri di Confcooperative Consumo e Utenza Confcooperative associa circa 600 cooperative, un tessuto imprenditoriale longevo. Due cooperative su dieci hanno oltre 50 anni. Sono cooperative di consumo, di dettaglianti, di utenza elettrica e di servizi. I soci sono 370.000. Gli occupati oltre 8.000. Il fatturato aggregato sfiora i 4 miliardi.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumento Iva da scongiurare a tutti i costi: "Si rischia una frenata della ripresa"

Today è in caricamento