rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Le stime

Mutui a tasso variabile: nuova stangata in vista

Se la Bce dovesse decidere un nuovo incremento dei tassi di 50 punti base, la rata sarebbe destinata a salire ancora

Sono tempi duri per chi ha sottoscritto un mutuo a tasso variabile. Le rate, già aumentate in modo sostanzioso negli ultimi mesi, potrebbero infatti crescere nuovamente. Secondo le simulazioni di Facile.it, se il due febbraio la Bce dovesse confermare un nuovo incremento dei tassi di 50 punti base, la rata di un finanziamento medio potrebbe salire nei prossimi mesi di quasi 35 euro. In poco più di un anno, quindi, il mutuatario si troverebbe a pagare una rata più pesante di oltre 195 euro, vale a dire circa il 43% in più rispetto a quella iniziale. È quanto si legge in un'analisi del comparatore online.

Gli aumenti per i mutui a tasso variabile

Facile.it ha preso in esame un finanziamento a tasso variabile da 126.000 euro in 25 anni sottoscritto a gennaio 2022, analizzando come è cresciuta la rata dal momento della stipula e come potrebbe ulteriormente salire nei prossimi mesi a seguito del rialzo dei tassi da parte della Bce. Il tasso (Tan) di partenza sottoscritto a gennaio 2022 e usato nell'analisi è pari a 0,67%, corrispondente a una rata mensile di 456 euro.

A partire dalla seconda metà dello scorso anno, a causa dei quattro aumenti del costo del denaro decisi dalla Banca Centrale Europea, la rata ha iniziato a salire considerevolmente arrivando, a gennaio 2023, a 619 euro e, come detto, se la Bce dovesse decidere di aumentare i tassi di altri 50 punti base e l'Euribor dovesse crescere in modo analogo, la rata mensile del mutuatario arriverebbe nei prossimi mesi addirittura a circa 653 euro, vale a dire 197 euro in più rispetto a gennaio 2022 (+43,2%).

La corsa dei tassi potrebbe non fermarsi con l'annuncio di febbraio: guardando alle aspettative di mercato (Futures sugli Euribor), gli esperti prevedono che l'Euribor a 3 mesi cresca ancora arrivando a giugno 2023 intorno a 3,4%: se le previsioni fossero corrette, la rata del mutuatario preso in esame arriverebbe a ben 711 euro, 255 euro in più rispetto a quella sottoscritta a gennaio 2022.

"Se è vero che l'Euribor si muove in base alle aspettative dei tassi Bce, e non è detto che cresca in modo analogo agli indici della Banca centrale, l'ultimo anno ci ha mostrato come i due valori siano strettamente correlati", spiegano gli esperti di Facile.it. "Per tutelarsi da futuri rincari - spiegano gli esperti - i mutuatari possono ricorrere ad una surroga o alla rinegoziazione, eventualmente approfittando delle condizioni introdotte dal Governo con la Legge di bilancio. Non esiste in assoluto una soluzione migliore rispetto all'altra; il consiglio se si vuole passare dal tasso variabile a quello fisso è di rivolgersi ad un consulente così da identificare la soluzione più adatta alle proprie esigenze". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mutui a tasso variabile: nuova stangata in vista

Today è in caricamento