rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Le cifre

Pensioni, nuovi aumenti da gennaio 2024: la tabella con tutti gli importi

Dopo il conguaglio di dicembre, con l'inizio del nuovo anno i trattamenti torneranno a crescere per essere adeguati all'inflazione. Incremento del 5,4% per gli assegni fino a 4 volte il minimo

Dopo il conguaglio di dicembre, a gennaio le pensioni verranno ritoccate nuovamente verso l'alto. Il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti, di concerto con la ministra del Lavoro Elvira Calderone, ha firmato il decreto che dispone a partire dall'1 gennaio 2024 un adeguamento all'inflazione pari a +5,4% delle pensioni. "L'aumento, che verrà riconosciuto nelle modalità previste dalla normativa" ha spiegato con una nota il ministero dell'Economia, "è stato calcolato sulla base della variazione percentuale che si è verificata negli indici dei prezzi al consumo forniti dall'Istat il 7 novembre 2023".

Per il sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon si tratta di "un segnale importante per aiutare concretamente i pensionati più in difficoltà e scongiurare la perdita di potere d'acquisto degli assegni. Più soldi nelle tasche di chi, più di tutti, ha sofferto le conseguenze dell'inflazione" ha detto Durigon, che poi ha parlato di "aumenti fino a 122 euro per gli assegni fino a quattro volte il minimo". 

Dal conguaglio alla rivalutazione 2024

Come anticipavamo sopra, già a dicembre gli assegni saranno più alti del solito. I pensionati si vedranno addebitare lo 0,8% in più (da moltiplicare per 12 mesi), per effetto del conguaglio legato alla rivalutazione (a questo link trovate la tabella con tutti gli importi). A gennaio scattano invece gli aumenti all'inflazione previsti per l'anno in corso. In questo caso la percentuale a cui fare riferimento è quella indicata dal ministero, ovvero il 5,4%.

Come previsto dalla normativa in vigore la rivalutazione del 100% (pari, appunto, al 5,4%) spetterà però solo alle pensioni pari o inferiori a 4 volte il minimo (2.272,96 euro), mentre per quelle più alte la percentuale scenderà man mano che aumenta l'importo. Senza indugiare troppo con i tecnicismi, vediamo quali sono gli aumenti per fasce di reddito, almeno secondo i nostri calcoli.  

Gli aumenti sulle pensioni nel 2024: la tabella con gli importi

Per un pensionato che ha un trattamento di 600 euro, l'incremento dovrebbero essere di poco superiore ai 32 euro, mentre con 1.000 di pensione la cifra sale a 54 euro e a 81 per chi ne percepisce 1.500. Con un assegno previdenziale di 2.000 euro l'incremento è di 108 euro mensili che poi scendono a 85,8 per chi ne percepisce 3.000 e a 101,6 euro con una pensione di 4.000 euro. Parliamo ovviamente di cifre lorde, pertanto l'importo netto sarà ovviamente inferiore. Segnaliamo inoltre che nei calcoli che abbiamo fatto non abbiamo tenuto conto dell'aumento del 2,7% previsto per il 2024 dalla legge di bilancio 2022-2023 per le pensioni di importo pari o inferiore al trattamento minimo Inps. 

In basso la tabella con gli importi e i relativi aumenti (le cifre sono sempre lorde). 

Importo pensione (lordo) Percentuale di rivalutazione Aumento lordo
568 5,4 30,7 euro
600 5,4 32,4 
750 5,4 40,5
1.000 5,4 54
1.250 5,4 67,5
1.500 5,4 81
1.750 5,4 94,5
2.000 5,4 108
2.500 4,59 114,75
3.000 2,86 85,8
3.500 2,54 88,9
4.000 2,54 101,6
5.000 2 100
6.000 1,18 70.8

La rivalutazione degli assegni pensionistici dovrebbe scattare a gennaio 2024. Lo scorso anno tuttavia per i trattamenti sopra una certa soglia gli adeguamenti sono arrivati un paio di mesi dopo (insieme agli arretrati) per ritardi tecnici dovuti al ricalcolo. 

Continua a leggere su Today...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni, nuovi aumenti da gennaio 2024: la tabella con tutti gli importi

Today è in caricamento