Domenica, 14 Luglio 2024
"Senza spiegazione" / Monza e della Brianza

L'azienda con un utile di 1,7 miliardi che chiude e licenzia tutti

Sk Hynix, colosso mondiale dei semiconduttori, chiude lo stabilimento in Brianza e lascia a casa tutti i dipendenti

Le speranze di una ritrattazione dell'azienda sono ormai quasi nulle. Dopo l'incontro dei sindacati con l'azienda, è chiaro che per i 39 lavoratori della Sk Hynix Italia - il secondo colosso mondiale dei semiconduttori - si aprono le porte del licenziamento. La società coreana con sede ad Agrate Brianza, malgrado gli ottimi risultati di fatturato raggiunti nel 2022 - 34 miliardi di dollari e un utile netto di 1,7 miliardi - , ha deciso di chiudere il centro di ricerca e sviluppo italiano ed europeo e di lasciare a casa i 39 dipendenti. Ad oggi senza spiegazione neanche ai rappresentanti dei lavoratori. Mercoledì 26 aprile si è svolto il secondo incontro tra i rappresentati dei lavoratori e la società, ma anche stavolta, secondo quanto riferiscono la Rsa di Sk Hynix e Filcams Cgil, l'azienda non ha spiegato le motivazioni che l'hanno portata a questa decisione e all'avvio della procedura dei licenziamenti. Ad oggi l'unica certezza è quella che i lavoratori speravano di evitare: la sede brianzola chiuderà i battenti e loro si ritroveranno dall'oggi al domani senza un lavoro. 

"Non ci pare rispettosa nei confronti dei lavoratori la comunicazione dell'azienda che dichiara di essere in attesa di notizie dalla casa madre coreana rispetto alle nostre richieste legittime di far chiarezza sul presunto divario tecnologico - si legge in una nota ufficiale dei sindacati -, sull'impossibilità di effettuare gli investimenti e sugli impedimenti della normativa coreana nel trasferire nuovi prodotti in Italia. I lavoratori hanno diritto di sapere chi è responsabile di questa grave decisione di chiudere e licenziare e perché si è fatta questa scelta, e vorremmo anche capire dove sta la coerenza delle azioni intraprese da Sk Hynix con l'acquisizione nel 2025 del centro di ricerca e sviluppo di Roma sulla stessa tecnologia delle memorie Nand".

"Relativamente all'attivazione dei percorsi di coinvolgimento istituzionale - proseguono le sigle sindacali -, i rappresentanti dell'azienda hanno dichiarato la disponibilità alla partecipazione e all'ascolto delle proposte, comunicando anche l'importanza di svolgere in tempi celeri i confronti per poter eventualmente predisporre le comunicazioni opportune presso la casa madre relativamente alla richiesta di mandati ulteriori alla procedura di liquidazione e licenziamento". Intanto l'azienda ha confermato l'unica volontà della sottoscrizione di un accordo che preveda il licenziamento di tutti i lavoratori. "L'azienda ha comunicato di mettere a disposizione il risparmio aziendale sul ticket di licenziamento, oltre ad un percorso di outplacement non monetizzabile", aggiungono i sindacati.

I lavoratori non ci stanno e anche nell'incontro di pochi giorni fa hanno ribadito la richiesta di ricollocare i 39 dipendenti. "Abbiamo affermato che la sottoscrizione dell'eventuale accordo sindacale potrà avvenire solo ed esclusivamente secondo il criterio della non opposizione e solo dopo aver ricercato e percorso ogni possibilità funzionale a garantire il pieno reimpiego delle persone coinvolte - dicono -. In queste ore solleciteremo l'urgenza dell'attivazione dei dai tavoli istituzionali per raggiungere l'obiettivo della ricollocazione di tutte le lavoratrici e i lavoratori attraverso il coinvolgimento delle aziende strategiche del territorio del settore della microelettronica. Auspichiamo che Sk Hynix si presenti a questi tavoli assumendosi la responsabilità sociale delle proprie scelte e - concludono i sindacati - che si impegni condividendo l'obiettivo della tutela occupazionale nell'attivazione di ogni misura necessaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'azienda con un utile di 1,7 miliardi che chiude e licenzia tutti
Today è in caricamento