Badanti e colf, un "esercito" che lavora in nero: che cosa può succedere

Tra 150mila e 200mila persone impiegate in nero come colf, badanti e baby sitter, anche per colpa dell'insufficiente programmazione dei flussi di ingresso. Due strade: o sanatoria specifica per gli extracomunitari o procedura di emersione estesa a tutti gli occupati in nero del settore domestico

Foto: Ansa (repertorio)

E' un settore in cui il lavoro nero è una "tradizione" dura a morire. L'insufficiente programmazione dei flussi di ingresso per lavoro non stagionale ha contribuito a generare in Italia una consistente sacca di irregolarità: a fine 2018 erano calcolati in circa 530mila i non comunitari con permesso di soggiorno non in regola, di cui, secondo la stima di Assindatcolf, Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico, tra i 150mila e i 200mila erano impiegati in nero come colf, badanti e baby sitter.

I dati sono stati presentati nel corso dell'evento 'Focus lavoro domestico e regolamentazione dei flussi di ingresso: quale il fabbisogno delle famiglie', organizzato ad Udine per presentare il Dossier statistico immigrazione 2019 del Centro Studi e Ricerche Idos. Il dossier rivela che su oltre 800mila domestici regolari la componente straniera rappresenta quasi il 70% del totale della forza lavoro.

I numeri complessivi del comparto sono imponenti: circa 2 milioni di domestici impiegati, tra regolari ed in nero, e Assindatcolf stima che i non comunitari siano circa 1 milione, 466mila badanti e 528mila colf. "A fronte di una popolazione - dice Andrea Zini, vicepresidente Assindatcolf e vice presidente Effe - che tende sempre più strutturalmente all'invecchiamento abbiamo calcolato che nel 2025 la domanda di badanti aumenterà del 9%. Da qui l'esigenza di avviare una programmazione dei flussi di ingresso di lavoratori non comunitari, che al contrario è ferma dal 2011".

Sindacati: "Servirebbero 60mila nuovi ingressi per il solo lavoro domestico"

Secondo Assindatcolf servirebbero 60mila nuovi ingressi per lavoro domestico nell'arco dei due prossimi trienni. Oltre a ciò le istituzioni non possono far finta di non vedere i circa 200mila non comunitari impiegati nel comparto domestico senza regolare titolo di soggiorno, e quindi anche in nero, che sono già presenti in Italia.

"Per loro - avverte il sindacato  - è arrivato il momento di trovare una soluzione: la stradac può essere quella di una sanatoria specificatamente dedicata ai non comunitari per regolarizzare il loro status giuridico, o quella di una procedura di emersione estesa a tutti gli occupati in nero del settore domestico stimati, tra italiani e stranieri, in circa 1,2 milioni. Un'operazione che, in ogni caso, sanerebbe non solo gli inadempimenti amministrativi e previdenziali a carico dei datori di lavoro ma, nel caso dei lavoratori stranieri, anche il loro status giuridico irregolare".

Perché sono in aumento i lavoratori domestici in nero

"In questi ultimi otto anni - afferma Luca Di Sciullo, presidente del centro studi e ricerche Idos - a causa di decreti flussi che hanno riguardato quasi esclusivamente lavoratori stagionali e conversioni dei permessi per non comunitari già presenti in Italia, si è di fatto attuato un blocco degli ingressi di forza lavoro aggiuntiva stabile in Italia, che da una parte ha indotto molti migranti economici a percorrere la via della domanda d'asilo (aumentando così i rigetti e creando maggiore irregolarità) e dall'altra ha lasciato scoperto un bisogno crescente di assistenza domiciliare da parte delle famiglie italiane, già trascurate nella programmazione degli ingressi di lavoratori stranieri anche prima del 2011". Se, come si stima, "alla fine del 2020 gli stranieri irregolari arriveranno ad essere circa 670mila (un numero secondo solo alla grande sanatoria del 2002 quando emersero oltre 700mila stranieri irregolari), con un conseguente incremento della quota di lavoratori domestici in nero, mettere in campo politiche di regolarizzazione e di programmazione diventerà ancora più urgente per un comparto sempre più cruciale per la vita delle famiglie e della società".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo stime recenti la componente più significativa di lavoratori domestici è quella dell’Est Europa (43,8% del totale). Nelle regioni del Sud probabilmente per le minori possibilità di lavoro, la componente italiana è maggiore. Con riferimento alla distribuzione regionale per nazionalità, in Lombardia si concentra la maggior parte dei lavoratori domestici stranieri.

Colf e badanti, perché la "stretta" del Fisco fa paura alle famiglie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gf Vip, De Blanck: "Alba Parietti una stronza". Il figlio dà ragione e lei chiama in diretta

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi sabato 19 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi giovedì 17 settembre 2020: numeri e quote

  • Coronavirus, 5 bambini positivi in 5 classi diverse: ora tutti in isolamento

  • Il cittadino insospettabile che masturbava ragazzini in cambio di scarpe e spinelli

  • Polemica a Tale e Quale, Carmen Russo nei panni di Stefania Rotolo ma la figlia non apprezza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento