rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Economia

Dalle banche 57 miliardi in meno ai distretti del Made in Italy

La differenza tra credito erogato e raccolto è passata dall’89% al 18%, come denuncia un'analisi della First Cisl

Il made in Italy non appare più un buon affare per le banche, secondo un'analisi della First Cisl.

In 7 anni le banche hanno erogato 57 miliardi in meno ai distretti della moda, dell'occhialeria, del mobile, della gioielleria, dell'agroalimentare e hanno ridotto del 20% gli sportelli sui territori di insediamento di tali distretti.

Nei distretti le filiali bancarie sono calate da 9.889 a 7.912 tra i 2010 e il 2017, spiega Riccardo Colombani, responsabile dell'ufficio studi di First Cisl, ricordando che «nelle zone dei prodotti simbolo del paese ci sono ben 674 comuni senza alcuna agenzia bancaria, ossia il 27% del totale, e 125 di loro hanno visto chiudere ogni sportello».

Non solo Versace, i big della moda italiana passati all'estero 

La differenza tra credito erogato e raccolto è passata dall’89% al 18%: nel 2010 il made in Italy otteneva finanziamenti per una cifra complessivamente superiore dell’89% ai depositi raccolti sui rispettivi territori, oggi appena del 18%. Nelle filiali presenti nelle aree distrettuali, peraltro, la raccolta cresce in modo esponenziale: dal 2010 al 2017 i depositi per sportello sono saliti del 64% da 17 a 28 milioni, mentre i prestiti per filiale sono cresciuti solo del 3%, da 32 a 33 milioni.

I 10 marchi del made in Italy più attraenti per gli investitori esteri 

Alcuni distretti hanno sofferto le traversie delle banche della zona: l’area orafa di Vicenza ha visto calare del 29% i prestiti e del 25% le filiali della Popolare di Vicenza, quella di Arezzo ha visto ridursi del 24% i prestiti e del 19% le filiali di Banca Etruria. A livello nazionale la flessione ha interessato però anche distretti e comparti che non sono incorsi in traversie significative delle banche di riferimento.

Dal blog "Asso di denari" di Carlo Sala

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle banche 57 miliardi in meno ai distretti del Made in Italy

Today è in caricamento