Banche, "correntisti italiani al sicuro": ma in Europa è uno tsunami

Il premier Matteo Renzi rassicura: "Le difficoltà in Borsa riguardano solo gli azionisti". Ma dall'Ue arrivano dati preoccupanti: da gennaio l'indice delle banche europee ha registrato un crollo del 40%

Matteo Renzi e una "vittima" del salva-banche

ROMA - "I risparmiatori italiani e i correntisti italiani non hanno alcun problema, e per me questa è la priorità. Le problematiche sui mercati, le difficoltà della Borsa sono seguite con attenzione da tutti i governi e anche da quello italiano ma riguardano gli azionisti. A me importa che non ci sia alcun dubbio sulla tranquillità dei correntisti italiani". Il premier Matteo Renzi, in conferenza stampa dopo l'incontro, a Roma, con il premier svedese, Stefan Lofven, prova a rassicurare gli italiani. 

Io vivo con preoccupazione la situazione del credito in Europa. Il governo italiano naturalmente segue con grande attenzione la questione perché il nostro obiettivo non è tanto di intervenire per salvare le autorità bancarie ma i correntisti, e noi possiamo dire che siamo totalmente al sicuro.

DATI PREOCCUPANTI - Ma difficilmente le parole del premier, volte a rassicurare i risparmiatori, faranno dormire sonni tranquilli agli investitori. Sono i dati Ue a parlare: prima del crac Lehman Brothers, la tedesca Deutsche Bank valeva in Borsa 130 miliardi di euro, oggi supera di poco i 15 miliardi, quasi la metà di Intesa Sanpaolo ma soprattutto dieci volte meno di Bank of America e un abisso rispetto ai 230 miliardi di JP Morgan Chase. 

CRISI INFINITA - La crisi borsistica che investe le banche da inizio anno non riguarda solo gli istituti della penisola ma tocca tutta l'Europa. Da gennaio a oggi l'indice di borsa delle banche europee accusa un crollo intorno al 40%. Dal terremoto generale si salva soltanto Hsbc con una performance negativa di appena l'8%. Scorrere le quotazioni dei principali istituti di credito del Vecchio Continente sembra un bollettino di guerra. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE "NOSTRE" BANCHE E LE ALTRE - Mps da inizio anno ha perso il 75,8% con una accelerazione nelle ultime due sedute di Borsa. Tra le peggiori performance anche UniCredit che mostra una contrazione di circa il 60%, incalzato da banco Popular che ha lasciato sul terreno il 58%. Oltre il 50% la flessione del Credit Suisse, Deutsche Bank accusa un -43%, Royal Bank of Scotland ha mandato in fumo il 46%, più o meno come Intesa Sanpaolo mentre Commerzbank ha perso il 40%, UBS il 35%. Poco meglio gli istituti francesi con Societe Generale in calo del 34%, Credit Agricole -30% e Bnp Paribas -22%, in linea con le spagnole Santander e Bbva. Gli investitori abbandonano le banche e si spostano verso asset giudicati più sicuri, in primis i titoli di Stato dell'area Euro che beneficiano dell'ombrello da parte della Bce con il quantitative easing.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: un 5stella vince 1.952.527 euro

  • Nuovo Dpcm, ci siamo (quasi): le regole in vigore dal 10 agosto, cosa cambia per gli italiani

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 8 agosto 2020

  • Amadeus e Fiorello inseparabili: eccoli in vacanza con le mogli prima di Sanremo 2021

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 4 agosto 2020

  • Anna e Andrea dopo Temptation: lui le fa una sorpresa bollente per festeggiare la convivenza (FOTO)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento