rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Impennata senza freni

Benzina sempre più cara: batosta per le famiglie e rischio ''gelata'' a Natale

I prezzi dei carburanti continuano e lievitare con rincari record per in consumatori. L'allarme di Assoutenti: ''Per le spese natalizie ogni famiglia taglierà circa 200 euro''

Un'impennata senza freni quella dei carburanti, che continua a far registrare ancora rincari: le ultime rilevazioni del Mise hanno fissato il prezzo medio della benzina a 1.749 euro al litro e quello del gasolio a 1.614 euro. Se gli aumenti non dovessero fermarsi a pagare il prezzo più alto saranno soprattutto le famiglie, con le associazioni di categoria che chiedono un intervento dal parte del Governo.

Unc: ''Rialzo record, +447 euro in un anno''

A quantificare il ''macigno'' per le famiglie è Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori:  "Nessun freno all'aumento dei prezzi dei carburanti che proseguono indisturbati la loro corsa. In un anno esatto, dalla rilevazione del 9 novembre 2020, quando la benzina era pari a 1.378 euro al litro e il gasolio a 1.249 euro al litro, un pieno da 50 litri costa 18 euro e 62 cent in più per la benzina e 18 euro e 26 cent in più per il gasolio, con un'impennata, rispettivamente, del 27% e del 29,2%. Un balzo che equivale, su base annua, a una stangata pari a 447 euro all'anno per la benzina e a 438 euro per il gasolio". 

''E il dato della benzina - aggiunge Dona - raggiungendo i 1,751 euro al litro eguaglia il record dall'11 agosto 2014, oltre 7 anni fa, mentre il gasolio, arrivando a 1,614 euro al litro tocca il valore massimo dal 15 settembre 2014, 7 anni fa, quando si attestò a 1.615 euro al litro,così come per il Gpl, ora a 0,832 euro al litro, bisogna tornare addirittura al 3 febbraio 2014 per trovare un valore più alto, 0,844 euro al litro. In un anno il Gpl è più caro del 40,5%".

Assoutenti: ''Rischio 'gelata' sui consumi di Natale'' 

Invece, secondo quanto denuncia Assoutenti, la crescita dei prezzi dei carburanti potrebbe avere effetti nefasti anche sui consumi previsti per le festività natalizie: le famiglie saranno costrette a tagliare le spese in occasione del Natale. per circa 200 euro a nucleo.

''Siamo in presenza di una vera e propria emergenza, perché gli incrementi dei listini dei carburanti hanno effetti negativi sull’intero sistema economico – spiega il presidente Furio Truzzi – Oltre ad aggravare la spesa degli italiani per i rifornimenti, il caro-benzina determina maggiori costi in capo a industrie e imprese, causa aumenti dei prezzi al dettaglio e ha ripercussioni sull’inflazione. Famiglie e attività produttive sono così schiacciate dall’escalation dei prezzi di benzina e gasolio, ed è necessario un intervento del Governo perché, senza misure per contenere la crescita dei prezzi, il potere d’acquisto dei cittadini subirà un duro contraccolpo e le conseguenze si faranno sentire direttamente sui consumi di Natale, che potrebbero subire un drastico taglio pari a circa -200 euro a famiglia''.

''È necessario - conclude Truzzi - intervenire subito sulla tassazione che vige sui carburanti, tagliando Iva e accise in modo da contenere la crescita dei listini e limitare gli effetti indiretti del caro-benzina sui prezzi dei prodotti trasportati e sui costi per industria e imprese''.

Carburanti, i prezzi aggiornati

Ma quanto costano oggi benzina e gasolio? Ecco le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla 'Staffetta', rilevati alle 8 di ieri mattina su circa 15mila impianti: benzina self service a 1,749 euro/litro (-1 millesimo, compagnie 1,755 pompe bianche 1,735), diesel a 1,614 euro/litro (-1, compagnie 1,619, pompe bianche 1,603). Benzina servito a 1,879 euro/litro (invariato, compagnie 1,924, pompe bianche 1,787), diesel a 1,751 euro/litro (invariato, compagnie 1,798, pompe bianche 1,657). Gpl servito a 0,826 euro/litro (invariato, compagnie 0,837, pompe bianche 0,813), metano servito a 1,659 euro/kg (+2, compagnie 1,725, pompe bianche 1,606), Gnl 2,139 euro/kg (+8, compagnie 2,144 euro/kg, pompe bianche 2,134 euro/kg). 

Questi i prezzi sulle autostrade: benzina self service 1,836 euro/litro (servito 2,048), gasolio self service 1,711 euro/litro (servito 1,950), Gpl 0,925 euro/litro, metano 1,937 euro/kg, Gnl 2,224 euro/kg. Queste le quotazioni dei prodotti raffinati in Mediterraneo alla chiusura di venerdì: benzina a 501 euro per mille litri (-10, valori arrotondati), diesel a 531 euro per mille litri (+1, valori arrotondati). Questi i valori comprensivi di accisa: benzina a 1.229,82 euro per mille litri, diesel a 1.148,49 euro per mille litri.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzina sempre più cara: batosta per le famiglie e rischio ''gelata'' a Natale

Today è in caricamento