Sabato, 10 Aprile 2021

Benzina e gasolio, buone notizie al distributore per gli automobilisti

Eni, Tamoil e Q8 hanno applicato una riduzione sui prezzi dei carburanti: ecco i listini aggiornati. Ad aprile i consumi sono calati del 63% rispetto allo stesso mese dello scorso anno

Foto di repertorio

Terminato lo sciopero dei distributori di benzina sulle autostrade, c'è una buona sorpresa per gli automobilisti: sui listini dei prezzi consigliati sulla rete italiana si registrano una serie di movimenti al ribasso. Secondo la rilevazione di Staffetta Quotidiana, Eni ha applicato la riduzione di un centesimo al litro per i prezzi consigliati di benzina e gasolio. Una “strada” percorsa anche da Q8 e Tamoil. Si tratta di un ulteriore ribasso che fa seguito a quelli avvenuti durante la prima fase dell'emergenza coronavirus.

Benzina, diesel e gasolio: i prezzi aggiornati

L'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato, in base ai dati elaborati dalla Staffetta, i listini rilevati alle 8 di giovedì 14 maggio 2020 su circa 15mila impianti sparsi sul territorio italiano. Ecco quali sono: benzina self service a 1,370 euro/litro (-2 millesimi, compagnie 1,375 pompe bianche 1,357), diesel a 1,258 euro/litro (-1, compagnie 1,262, pompe bianche 1,245). Benzina servito a 1,514 euro/litro (-2, compagnie 1,558, pompe bianche 1,420), diesel a 1,405 euro/litro (-1, compagnie 1,449, pompe bianche 1,308). Gpl servito a 0,588 euro/litro (-1, compagnie 0,595, pompe bianche 0,577), metano servito a 0,981 euro/kg (invariato, compagnie 0,990, pompe bianche 0,975), Gnl 0,939 euro/kg (compagnie 0,938 euro/kg, pompe bianche 0,940 euro/kg). Questi i prezzi sulle autostrade: benzina self service 1,510 euro/litro (servito 1,762), gasolio self service 1,394 euro/litro (servito 1,664), Gpl 0,674 euro/litro, metano 1,064 euro/kg, Gnl 0,901 euro/kg.

Carburanti, ad aprile consumi a picco

Secondo i dati comunicati dall'Unione Petrolifera, nel mese di aprile i consumi di carburanti autotrazione (benzina+gasolio), con un giorno lavorativo in più, sono risultati pari a poco meno di 1 milione di tonnellate, di cui 0,2 mln di benzina e 0,8 mln di gasolio, con un decremento del 63,1% (-1.652.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2019. 

In particolare la benzina totale ha mostrato un calo del 73,4% (-452.000 tonnellate) sostanzialmente analogo a quello della benzina venduta sulla rete pari al 73,3% rispetto ad aprile 2019; il gasolio autotrazione evidenzia un decremento del 59,9% (-1.200.000 tonnellate), mentre il gasolio venduto sulla rete del 67,5% rispetto ad aprile 2019. Da segnalare la crescita solo per alcuni prodotti minori, con un peso molto basso sui consumi totali, quali il gasolio da riscaldamento (+31.000 tonnellate, +66%), legata non tanto a fattori climatici (aprile 2020 più caldo dello 0,4% rispetto allo scorso anno), ma alla presenza forzata nelle abitazioni a causa del lockdown, e del gasolio agricolo (+74.000 tonnellate, +51%), segnale di una grande richiesta del comparto agroalimentare. Per tutti gli altri prodotti segni pesantemente negativi, con il carburante per aerei che ha fatto segnare le riduzioni più rilevanti (-92,4% rispetto ad aprile 2019).

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzina e gasolio, buone notizie al distributore per gli automobilisti

Today è in caricamento