Domenica, 25 Luglio 2021
Economia Italia

Bilancio, pronta la procedura di infrazione Ue: "Dopo le elezioni Italia corregga conti"

E' la prima volta che l'esecutivo comunitario menziona esplicitamente il rischio di procedura per deficit eccessivo per il nostro paese

La Commissione europea potrebbe aprire una procedura per deficit eccessivo contro l'Italia, se dopo le elezioni il governo non adotterà le misure necessarie a fare in modo che il bilancio 2018 rispetti il Patto di Stabilità e Crescita. E' quanto emerge dal dibattito che si è tenuto nel collegio dei commissari il 22 novembre scorso, il cui processo verbale è stato pubblicato il 19 gennaio.

E' la prima volta che l'esecutivo comunitario menziona esplicitamente il rischio di procedura per deficit eccessivo per il nostro paese.

L'Ue entra a gamba tesa sulle elezioni e rimanda "a maggio" i conti italiani

Durante il dibattito interno alla Commissione, il vicepresidente responsabile per l'Euro, Valdis Dombrovskis, ha spiegato che, se la situazione dei conti italiani per il 2018 "non migliora, la Commissione potrebbe adottare il prossimo maggio un rapporto ai sensi dell'articolo 126 paragrafo 3 del Trattato sul funzionamento dell'Ue e di conseguenza aprire una procedura per deficit eccessivo".

Nella riunione della Commissione del 22 novembre, quando il collegio ha adottato il pacchetto del semestre europeo con i giudizi sui progetti di bilancio degli Stati membri, Dombrovskis ha parlato dell'Italia come del "caso più complesso".

In una lettera inviata lo stesso giorno al ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, la Commissione ha espresso la sua "preoccupazione" e chiesto "precisazioni", ha spiegato il vicepresidente della Commissione.

Dombrovksis ha ricordato "il livello molto elevato del debito pubblico italiano, che perdura dal 2015, senza che la procedura per deficit eccessiva sia stata aperta per il fatto che i fattori rilevanti non lo giustificavano nel 2016", in particolare grazie alle flessibilita' concesse all'Italia. Il vicepresidente della Commissione ha anche spiegato che il progetto di bilancio per il 2018 "presenta un rischio di non-conformita', anche tenendo conto del margine di apprezzamento e della riduzione dello sforzo strutturale richiesto (all'Italia) dallo 0,6 allo 0,3% del Pil".

Per questa ragione - ha detto Dombrovskis a quanto si legge nel processo verbale - la Commissione ha chiesto all'Italia di "prendere le misure necessarie per fare in modo che, nel quadro del suo processo di bilancio interno, il suo bilancio 2018 sia conforme al Patto di Stabilita' e Crescita". 

In un altro intervento, il commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, ha sottolineato che la lettera indirizzata a Padoan mette "in evidenza le questioni di preoccupazione sulla situazione di bilancio italiano e l'annuncio di una nuova tappa nel maggio 2018". Durante il dibattito alcuni commissari hanno espresso la "speranza che la lettera che la Commissione ha indirizzato alle autorita' di questo Stato membro permetta al governo italiano di prendere le misure necessarie e ai cittadini italiani di prendere conoscenza della situazione di bilancio reale del paese". 

Quote latte, Corte Ue ribadisce: "Italia recuperi 1,3 miliardi dai produttori"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio, pronta la procedura di infrazione Ue: "Dopo le elezioni Italia corregga conti"

Today è in caricamento