Venerdì, 26 Febbraio 2021

Perché le bollette di luce e gas potrebbero aumentare ancora

Gli esperti lo chiamano 'effetto spread' e potrebbe provocare ulteriori aumenti per i consumatori: ma cosa collega il differenziale tra BTp e Bund tedeschi e le tariffe? Ecco la spiegazione

Foto di repertorio

Rischio 'effetto spread' sulle bollette di luce e gas. Nel caso in cui il differenziale tra BTp e Bund tedeschi decennali dovesse continuare a salire, c'è il rischio di ripercussioni economiche, non soltanto sulle rate del mutuo, ma anche sulle bollette sulle utenze che  le famiglie pagano ogni mese. Secondo gli esperti, gli eventuali aumenti provocati dallo spread dovrebbero essere contenuti, ma se sommati all'impennata dei prezzi su metano ed elettricità e agli altri oneri di sistema, c'è il rischio di una ulteriore stangata per gli italiani. 

Bollette, per quanto tempo vanno conservate?

Aumento bollette, cosa c'entra lo Spread

Ma cosa collega lo spread all'eventuale aumento delle bollette di luce e gas? Il concetto è un po' complesso, ma cerchiamo di spiegarlo. Quando lo spread supera il limite fissato per Terna, Italgas, Snam, aziende che operano nel settore energetico, questo influisce sul Regulatory Asset Base, ossia quella grandezza che contribuisce a determinare i ricavi annuali delle società che operano in regime di monopolio, come quelle sopracitate. In caso si aumento dello spread, subisce un incremento anche questo indice e, visto che tra i fattori con cui vengono remunerate le aziende energetiche vi è  questo dato numerico, l'effetto 'domino' provoca un aumento delle bollette di luce e gas. Infatti, le remunerazioni dovute alle aziende energetiche fornitrici dei servizi regolati sono calcolate sulla base della Regulatory Asset Base e vengono ricavate da alcuni contributi pagati in bolletta dai consumatori.

Stangata in vista: dalla bolletta della luce al caro scuola, scattano i rincari

Il rischio aumento

L'effetto spread sulle bollette è tutt'altro che una favola, come confermato anche da un articolo del Sole24Ore, che ricorda come entro il mese di novembre l’Arera, l’Autorità dell’energia, delle reti dell’ambiente, dovrà aggiornare il livello di remunerazione degli investimenti per il triennio 2019-2021. Ingenti somme di denaro che vengono garantite alle aziende che operano in questo settore per  poter provvedere al pagamento e alla manutenzione di infrastrutture come le reti elettriche e i gasdotti. La legge prevede che questi investimenti vengano pagati dagli utenti che usufruiscono dell'energia, motivo per cui un'eventuale aumento di questi livelli provocato dallo spread, si potrebbe tradurre in un aumento in bolletta per i consumatori. Secondo le stime, queste spese hanno un 'peso' sulla bolletta che si aggira tra il 15 e il 20%.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché le bollette di luce e gas potrebbero aumentare ancora

Today è in caricamento