rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Bollo auto

Bollo auto, serve davvero abolirlo? Ecco quanto costa negli altri Paesi

In Italia la tassa di possesso degli autoveicoli è piuttosto cara: un'auto di media potenza paga oltre 230 euro, più che in Germania dove costa circa 50 euro in meno. In molti Paesi Ue, inoltre, si paga in base alle emissioni di Co2: chi inquina meno risparmia

È una delle tasse più odiate dagli italiani, sarà per questo che Berlusconi - uno che di campagne elettorali se ne intende -  ha promesso di abolirlo. Parliamo ovviamente del bollo auto, e premettiamo che il verbo 'abolire' è forse un po’ eccessivo. Al momento non sono così chiare le intenzioni del centrodestra rispetto alla tassa di possesso degli autoveicoli. In più di un’occasione l’ex premier ha affermato di voler di cancellare il bollo sulla prima auto, anche se ci saranno delle eccezioni perché, parola del Cav, "non si può andare in Ferrari e pretendere di essere esentati ". Nella bozza di programma di centrodestra si parla invece di esenzione solo per chi è esente da reddito.

Un intervento comunque ci sarà, coperture permettendo. Come vi abbiamo già spiegato, infatti, nel programma sottoscritto da Berlusconi, Salvini e Meloni, ci sono numerosi altri interventi di spesa (abolizione della legge Fornero, aumento delle pensioni minime, flat tax etc) e trovare le risorse non sarà facile. Fatta questa premessa, la domanda è la seguente: ha davvero senso abolire il bollo? E quanto paghiamo rispetto agli altri Paesi? 

Quanto costa il bollo in Italia

Cominciamo col dire che in Italia i parametri che vanno a determinare l'importo del bollo auto (che può variare da Regione a Regione) sono la potenza del veicolo e la classe ambientale. Per un’auto euro 0 il Fisco chiede 3 euro per kw, mentre per le auto più recenti (euro 4, euro 5 ed euro 6) l’importo scende a 2,58 euro a kw fino a 100 kw e 3,87 euro per l’eccedenza. Facciamo un esempio. Il costo del bollo per un’auto euro 6, dunque nuova o seminuova, di media potenza (88 kw/120cv) sarà di circa 230 euro.  

Superbollo, che stangata!

La vera stangata però è rappresentata dal superbollo (reintrodotto per metà dal governo Berlusconi e per metà dall’esecutivo Monti) che ammonta a 20 euro per ogni chilowatt di potenza superiore ai 185 kW (250 cv). Per i possessori di auto lussuose o sportive l’esborso può arrivare tranquillamente a svariate migliaia di euro l’anno. 

Bollo auto, quando si paga e cosa succede ai ritardatari

Il bollo auto negli altri Paesi

Vediamo dunque di rispondere alla domanda iniziale: quanto costa il bollo auto negli altri Paesi? In Germania i parametri presi in considerazione sono la cilindrata e le emissioni di Co2. Abbiamo fatto qualche simulazione: su un'auto di 2200 cc, con emissioni di CO2 pari a 109g/km, il costo del bollo è di 237 euro. L’importo può salire anche di parecchio se l'auto emette più CO2. Con un valore di 150 g/km ad esempio a parità di cilindrata il Fisco chiede circa 300 euro. Se però possediamo un’auto di cilindrata media, ad esempio di 1600 cc (una normale segmento C), a parità di emissioni il costo del bollo sarà di 182 euro. Piuttosto basso se pensiamo che con un’auto simile in Italia paghiamo ben 230 euro. 

BOLLO AUTO GERMANIA-2

Il bollo in Francia

E che dire della Francia? Il bollo qui semplicemente non è contemplato per i veicoli privati. È prevista però una tassa di 160 euro l’anno per i possessori di veicoli con emissioni di Co2 superiori a 190 g/km. Lo Stato francese dunque premia chi inquina meno, anche se va detto che spesso chi possiede un’auto che inquina è perché, semplicemente, non può permettersi di cambiarla. Gli automobilisti francesi sono inoltre tenuti a pagare una tantum la tassa sul certificato d'immatricolazione. Si parla di 45 euro per ogni cavallo fiscale (che è tutt'altro cosa rispetto ai cavalli vapore). 

Bollo auto, ecco quando non va pagato

Il bollo auto in Belgio

Gli automobilisti belgi pagano un’imposta di messa in circolazione al momento dell’acquisto e poi il bollo annuale. La tassa di circolazione si basa sulla cilindrata e sui cavalli fiscali del motore, ed è piuttosto alta: su un’auto di 1600 cc, per tornare all’esempio di prima, può costare ad esempio circa 280 euro. Quanto alla tassa di messa in circolazione un’auto con una potenza di 88 kw paga poco meno di 500 euro, ma il costo sale vertiginosamente se si acquistano auto più potenti: per le vetture con potenza da 121 a 155 kw (una berlina di classe medio alta) il costo è di 2478 euro, se la potenza supera i 155 kw si arriva addirittura a 4957 euro. 

belgio-2

La tassa sull’auto nel Regno Unito e in Spagna

Nel Regno Unito, come in Francia e in Germania, lo Stato premia chi inquina meno e il valore dell’imposta è calcolato in base alle emissioni di co2: sotto i 100 g/km non si paga nulla, mentre un'auto con un valore di Co2 compreso tra i 151 a 165 paga 180 sterline di bollo. In Spagna si segue il criterio dei cavalli fiscali, ma il costo varia molto a seconda delle varie città: a Madrid e Barcellona le tariffe nell'anno 2011 andavano da € 22 per un massimo di 8 cavalli fiscali a € 224 per i veicoli con oltre 20 cavalli fiscali.

Quanto costa il bollo auto nel 2018 in Italia
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollo auto, serve davvero abolirlo? Ecco quanto costa negli altri Paesi

Today è in caricamento