rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Aiuti

Bonus 200 euro: a chi arriva tra pochi giorni, chi lo riceve a luglio e chi deve aspettare ottobre

L'indennità una tantum destinata ai redditi fino a 35mila euro per placare in minima parte i colpi dell'inflazione spetta a lavoratori dipendenti e autonomi, pensionati, disoccupati

Bonus 200 euro, ci siamo quasi. L'indennità una tantum destinata ai redditi fino a 35mila euro per placare in minima parte i colpi dell'inflazione spetta a lavoratori dipendenti e autonomi, pensionati, disoccupati. Sul bonus nei mesi scorsi abbiamo già scritto di tutto e di più (qui trovare tutti gli articoli). Sulle date ormai si può dire che di dubbi non ce ne sono più, il quadro sembra essersi delineato anche nei dettagli.

Bonus 200 euro: a chi arriva a giugno 

Ad alcune persone i 200 euro arriveranno con lo stipendio di giugno, mentre la stragrande maggioranza dovrà aspettare lo stipendio che arriva tra fine luglio e inizio agosto. La regola generale resta è: bonus 200 euro con lo stipendio di luglio, tuttavia sono stati individuati alcuni casi, ad esempio part time ciclico, con l'erogazione anticipata. Può succedere in presenza di rapporti particolari (come il part time ciclico) o quando, nel Ccnl, un’apposita clausola prevede lo slittamento del pagamento della retribuzione al mese successivo. Un lavoratore con rapporto di lavoro di tipo normale, al quale si applica un Ccnl che non prevede il pagamento posticipato della retribuzione e a cui il datore di lavoro paga lo stipendio entro la fine del mese, i 200 euro li vedrà nella retribuzione di luglio; lo stesso discorso nel caso in cui l’azienda accredita le retribuzioni nei primi giorni del mese successivo a quello di competenza. Ma se c'è un rapporto di lavoro particolare come un part time ciclico che prevede la prestazione a giugno ma non a luglio, allora l'indennità sarà inserita nel cedolino di giugno, anche se la retribuzione viene pagata il mese dopo; succede in conseguenza della mancanza di prestazione lavorativa e del derivante cedolino di paga del mese di luglio. Se poi l’azienda applica un contratto collettivo che prevede lo slittamento della corresponsione degli emolumenti al mese seguente e il datore di lavoro è solito pagare entro il giorno 5 del mese seguente, allora i 200 euro vanno nella busta paga che contiene la retribuzione del mese di giugno.

Bonus 200 euro: a chi arriva a luglio

In molti altri casi il bonus 200 euro va invece nella retribuzione di luglio. 

Bonus 200 euro: tutti gli articoli

Il bonus per i redditi fino a 35mila euro sarà liquidato a luglio, in modo automatico, ai dipendenti e ai pensionati, ai nuclei beneficiari di reddito di cittadinanza e ai lavoratori domestici che devono fare domanda entro fine settembre. Lo ricevono a luglio 2022 anche i residenti che risultino titolari di pensione, assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché i titolari di accompagnamento alla pensione; sempre se il reddito non supera i 35 mila euro.

Bonus 200 euro: a chi arriva a ottobre

I 200 euro saranno corrisposti invece soltanto a ottobre 2022 ai titolari di Naspi, Dis-Coll, ai beneficiari di disoccupazione agricola e ex indennità Covid 2021 e anche ai lavoratori delle altre categorie chiamate a presentare domanda, tra cui i collaboratori e gli stagionali. Per queste categorie, il termine delle domande è il 31 ottobre 2022.  Nel dettaglio, dovranno presentare domanda all’Inps entro il 31 ottobre 2022 i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa; gli stagionali, a tempo determinato e intermittenti con 50 giornate di lavoro effettivo nel 2021, i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo; gli iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo con 50 contributi giornalieri nel 2021, sempre con reddito non superiore a 35 mila euro. Gli autonomi occasionali privi di partita Iva e gli incaricati di vendite a domicilio.

Per i lavoratori domestici assicurati presso la Gestione dell’Inps, le domande vanno inviare entro il 30 settembre 2022. Per chi prende il reddito di cittadinanza sarà stanziata la somma che spetta al nucelo maggiorando la rata di luglio, se i membri del nucleo non abbiano già beneficiato dello stesso contributo in quanto appartenenti ad altre categorie destinatarie del bonus 200 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus 200 euro: a chi arriva tra pochi giorni, chi lo riceve a luglio e chi deve aspettare ottobre

Today è in caricamento