Lunedì, 17 Maggio 2021
Aiuti in arrivo

Bonus da 2.400 euro, c'è la novità: chi può fare domanda fino al 31 maggio

I dettagli e le modalità operative per l'assegnazione del cosiddetto "bonus 2400 euro" previsto dal Dl Sostegni e destinato a varie categorie di lavoratori colpite dall'emergenza coronavirus e che erano rimaste escluse dall’indennizzo

Arriva la circolare Inps con i dettagli e le modalità operative per l'assegnazione del cosiddetto "bonus 2400 euro" previsto dal Dl Sostegni e destinato a varie categorie di lavoratori colpite dall'emergenza coronavirus. Lo annuncia la stessa Inps, ricordando che la misura riguarda lavoratori stagionali, lavoratori a tempo determinato e lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori stagionali e in somministrazione di settori diversi dai settori del turismo e degli stabilimenti termali, lavoratori intermittenti, lavoratori autonomi occasionali, lavoratori incaricati delle vendite a domicilio, lavoratori dello spettacolo.

Bonus 2400 euro fino al 31 maggio 2021

L'Inps, ricordando che ha già provveduto a liquidare in breve tempo tale bonus agli oltre 235mila lavoratori delle medesime categorie già beneficiati dalle precedenti indennità - previste dal Decreto Ristori quater -, sottolinea che la procedura per l'acquisizione delle domande da parte di nuovi beneficiari, così come individuati dal Decreto Sostegni, sarà attiva entro questa settimana sul portale Inps. Inoltre per consentire ai nuovi aventi diritto un sufficiente periodo di tempo per le domande, il termine per la presentazione delle stesse è stato posticipato da fine aprile al 31 maggio.

Assegno unico per ogni figlio da luglio 2021: chi ci guadagnerà davvero e chi avrà le maggiorazioni

Di fatto il rinvio è dovuto al fatto che è in corso di pubblicazione la circolare Inps n.65/2021 con i dettagli e le modalità operative per l’assegnazione del bonus destinato ad alcune categorie di lavoratori colpiti dall’emergenza Covid. La procedura per l’acquisizione delle domande sarà attiva entro questa settimana sul portale Inps, dopo i necessari passaggi amministrativi.

A chi va il bonus di 2400 euro? E' un aiuto immediato per i lavoratori che lo scorso anno erano rimasti esclusi dall’indennizzo tra i lavoratori stagionali, lavoratori a tempo determinato e lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori stagionali e in somministrazione di settori diversi dai settori del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori intermittenti; lavoratori autonomi occasionali; lavoratori incaricati delle vendite a domicilio; lavoratori dello spettacolo.

L’Inps ha quindi già pagato "automaticamente" il bonus ad oltre 235mila lavoratori delle stesse categorie già beneficiarie delle precedenti indennità (previste dal Decreto Ristori quater) che non hanno dovuto presentare una domanda.

Chi può fare domanda ora per il bonus 2400 euro

Ora possono fare domanda domanda per il bonus di 2.400 euro i lavoratori stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali (anche in somministrazione) che hanno cessato involontariamente un rapporto di lavoro tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021, con un datore di lavoro (o un’impresa utilizzatrice) nei settori produttivi del turismo e degli stabilimenti termali per almeno trenta giornate nel medesimo arco temporale (1° gennaio 2019 - 23 marzo 2021) e che non siano, al 23 marzo 2021, titolari di trattamento pensionistico diretto, né di indennità di disoccupazione Naspi, né di rapporto di lavoro dipendente (al 24 marzo).

Ma attenzione: l’indennità una tantum di 2400 euro va anche ai lavoratori dipendenti stagionali e in somministrazione appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali, che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro tra il 1° gennaio 2019 e il 23 marzo 2021 che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate durante questo arco temporale.

Per fare domanda non bisogna avere un altro contratto lavorativo a tempo indeterminato - fatto salvo un rapporto di lavoro intermittente senza diritto all’indennità di disponibilità - e non si può essere titolari di trattamento pensionistico diretto. Sul sito Inps nella sezione Decreto Sostegni a breve saranno pubblicati i moduli per fare domanda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus da 2.400 euro, c'è la novità: chi può fare domanda fino al 31 maggio

Today è in caricamento