Sabato, 6 Marzo 2021

Bonus assunzioni 2018: le agevolazioni fiscali per far lavorare i giovani 

Assumere dei giovani nella propria azienda può portare diversi benefici, come ad esempio l'esonero contributivo. Al momento esistono due tipi di bonus: ecco quali sono i requisiti per poterne usufruire 

Foto di repertorio

Far lavorare i giovani può essere utile e importante non soltanto per l'economia italiana, ma anche per le aziende che decidono di assumere. Esistono infatti due diversi bonus assunzioni a disposizione delle imprese, che prevedono varie agevolazioni fiscali, come ad esempio l'esonero contributivo. Uno dei bonus è rivolto a coloro che hanno massimo 35 anni, l'altro invece riguarda esclusivamente gli under 29.

Bonus assunzioni under 35

Il primo - introdotto dalla Legge 205/2017 (quella di Bilancio 2018) consiste in due differenti agevolazioni per le aziende che assumono, con contratto a tempo indeterminato: esonero del versamento del 50% (nel limite di 3.000 euro annui e per un massimo di 36 mesi) o del 100% dei contributi previdenziali.

L'esonero al 100%, sempre nel limite di 3.000 euro e per un massimo di 36 mesi, però, si applica solamente nei confronti di coloro che hanno conseguito il titolo di studio da massimo 6 mesi. In questo caso è anche necessario che questi abbiano svolto, presso il medesimo datore di lavoro, attività di alternanza scuola lavoro o un periodo di apprendistato di I e III livello.

Bonus fino a 20mila euro per aprire una libreria: tutte le novità

Altro requisito necessario per beneficiare di questa agevolazione è l'assenza di precedenti contratti di lavoro a tempo indeterminato. Il datore di lavoro nei 6 mesi che precedono l'assunzione, inoltre, non deve aver proceduto con licenziamenti individuali salvo i casi di licenziamenti disciplinari; questo deve essere anche in regola con gli adempimenti base.

Bonus assunzioni under 29

Il secondo bonus assunzioni di cui possono disporre le aziende è quello previsto dal programma Garanzia Giovani, rivolto ai giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni iscritti al programma, purché questi non siano impegnati in altre attività lavorative o di studio (i cosiddetti 'neet').

In questo caso l'esonero della contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro è del 100%, per un totale però di 12 mesi e per un massimo di 8.060 euro. Anche per il bonus assunzioni under 29 le aziende che lo richiedono devono essere in regola con gli adempimenti previsti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus assunzioni 2018: le agevolazioni fiscali per far lavorare i giovani 

Today è in caricamento