Bonus auto, 2mila euro per la rottamazione (ma non per tutti)

Nella bozza del decreto sui cambiamenti climatici è presente un'agevolazione per chi rottama un'auto omologata come Euro 4 o precedente. Un bonus che, se dovesse entrare in vigore, sarà valido soltanto in alcune Regioni

Foto di repertorio

Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa ha annunciato diverse novità presenti nella bozza del decreto legge sui cambiamenti climatici. Tra le misure contenute nei 14 articoli del Dl, una delle misure principali riguarda un Bonus rottamazione auto per chi decide di privarsi della propria vetturao mologata nella classe euro 4 o inferiore, con cui è possibile ottenere un'agevolazione di 2mila euro. Ma questa misura presente nella bozza del Dl Clima, e ancora in fase di studio, non sarebbe aperta a tutti i cittadini italiani e mira soprattutto ad incentivare il trasporto pubblico sostenibile. 

Bonus rottamazione auto nella bozza del Dl Clima

Ma in cosa consiste questo bonus rottamazione? Chi potrà usufruirne se dovesse entrare in vigore? Nel dettaglio, la bozza del decreto sui cambiamenti climatici prevede un bonus rottamazione fino a 2mila euro per chi rottama la propria vettura omologata nella classe euro 4 o precedenti. L'utente riceverà, sotto forma di credito d’imposta, che potrà utilizzare entro i successivi cinque anni ai fini dell’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale e di altri servizi ad esso integrativi, inclusi i servizi di sharing mobility con veicoli elettrici o a zero emissioni, anche in favore dei familiari conviventi. Il beneficio, sempre secondo quanto previsto dalla bozza, verrebbe revocato nel momento in cui l'interessato (o un familiare convivente) provveda all’acquisto, al leasing o al noleggio a lungo termine di un’autovettura non a basse emissioni entro i due anni successivi. Il credito fiscale è riconosciuto anche ai titolari di licenza di trasporto pubblico di piazza e agli autotrasportatori operanti nelle città metropolitane che "rottamano veicoli Euro 4 o inferiori, utilizzabile per la sostituzione del veicolo rottamato con veicoli ibridi o elettrici o ad emissioni ridotte".

Bonus rottamazione auto, l'agevolazione non sarebbe per tutti

Ma non tutti i cittadini italiani potranno usufruire di questo bonus, qualora entrasse in vigore. Infatti, secondo la bozza del Dl Clima, l'agevolazione scatterebbe soltanto per i residenti nelle Città metropolitane delle zone più inquinate dello Stivale, ossia quelle interessate dalle procedure d’infrazione dell'Unione europea. Da questo punto di vista i “cartellini gialli” dell'Ue non sono certo pochi: la procedura 2014/2147 riguarda Piemonte, Lombardia, Veneto e Lazio, mentre la procedura 2015/2043 coinvolge Liguria, Toscana, Molise e Sicilia. Riassumendo, il bonus di 2mila euro sarebbe valido per le Regioni appena menzionate e, come specificato nel paragrafo, non sarebbe legato all’acquisto di auto nuove e sarebbe utilizzabile per cinque anni a patto di non comprare nei due anni successivi un'autovettura con emissioni “non basse”. Il rebus su questa misura rimane, al momento, il finanziamento. La bozza del decreto non parla specificatamente di risorse economiche, ma si limita ad includere la misura in un programma di incentivi da 200 milioni di euro, riassegnati nel 2020 al ministero dell’Ambiente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il concorso “per tutti” (o quasi): 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 10 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Imu e Tasi, ci sono novità: rischio stangata, ma per alcuni sarà conveniente

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

Torna su
Today è in caricamento