Venerdì, 25 Giugno 2021
Economia

Bonus baby sitter, c'è una novità: prorogata una scadenza

L'Inps ha spostato al 28 febbraio il termine ultimo per inserire la prestazione nel Libretto di famiglia, che in origine era il 31 dicembre 2020

Foto di repertorio Ansa

Il termine per inserire il bonus baby sitter nel Libretto famiglia, lo strumento attraverso il quale l’Inps eroga somme del bonus per un massimo di 1.200 o 2.000 euro, è stato prorogato dal 31 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021. La conferma arriva da una nota dell'Inps: la proroga si allinea le tempistiche al nuovo bonus introdotto dal Decreto Ristori bis solo per le zone rosse. 

Bonus baby sitter, scadenza prorogata al 28 febbraio

Quindi, tutti coloro che hanno già chiesto e ottenuto l’accesso al bonus baby sitter previsto dal Dl Cura Italia e Rilancio per il periodo dal 5 marzo al 31 agosto 2020 devono procedere con l’inserimento delle prestazioni nel Libretto famiglia entro la scadenza del 28 febbraio 2021. Chi vince attende ancora l'esito otterrà una risposta entro il 12 febbraio.

''Al fine di garantire il rispetto della tempistica sopra indicata - scrive l'Istituto di Previdenza sociale - le Strutture territoriali avranno cura di definire le lavorazioni delle istanze residue per le quali è in via di completamento l’istruttoria entro e non oltre il 12 febbraio 2021, fermo restando che il genitore beneficiario dovrà inserire le prestazioni occasionali nel Libretto Famiglia entro e non oltre la suddetta data del 28 febbraio 2021''.

Bonus baby sitter, prorogato l’inserimento nel Libretto famiglia

L'iter per ottenere il bonus è chiaro: dopo l'ok da parte dell'Inps, il genitore beneficiario deve fare un passaggio fondamentale: deve procedere con l’appropriazione del bonus tramite il Libretto Famiglia entro il termine di 15 giorni solari dalla ricezione della comunicazione di accoglimento della domanda. Per questo motivo la proroga della scadenza per l'inserimento entro il termine di 15 giorni solari dalla ricezione della comunicazione di accoglimento della domanda. In questo modo l'Inps ha voluto concedere più tempo ai beneficiari che hanno presentato domanda entro la scadenza del 31 agosto 2020 e non hanno ricevuto una risposta.

Bonus baby sitter, come funziona

Il bonus baby sitter è un sussidio di importo massimo pari a 1.200 euro da utilizzare per prestazioni di assistenza e sorveglianza dei figli sotto i 12 anni nel periodo di chiusura della scuola introdotto dal Decreto Rilancio. Spetta anche ai propri familiari, come ai nonni, ma solo se non conviventi. Il bonus baby sitter è incompatibile anche con il bonus asilo nido e con il congedo parentale. Durante la fase di inserimento dei dati per richiedere la prestazione è necessario indicare l’intenzione di usufruire del “Bonus Covid 19”

La domanda può essere presentata nei seguenti modi:

  • online tramite l’applicazione web, disponibile sul portale dell’Inps;
  • tramite il Contact center integrato (numero verde 803.164, gratuito da rete fissa, o 06 164.164, da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);
  • tramite i patronati e Caf.

Le credenziali e i documenti richiesti sono: 

  • Spid, 
  • carta d’identità elettronica 3.0, c
  • arta nazionale dei servizi.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus baby sitter, c'è una novità: prorogata una scadenza

Today è in caricamento