Dal bonus in busta paga ai buoni pasto: cosa cambia nel 2020 per i lavoratori dipendenti

Il taglio del cuneo fiscale ci sarà, ma restano molte incertezze sulla platea. Secondo indiscrezioni il bonus potrebbe essere più consistente per i lavoratori più "ricchi". Confermata la stretta sui ticket restaurant: sarà penalizzato chi usa quelli cartacei

Foto di repertorio

Sono tre i miliardi stanziati nel 2020 per la riduzione del cuneo fiscale a vantaggio dei lavoratori dipendenti. La misura sarà inserita in un decreto collegato alla manovra, ma nulla è stato deciso circa la platea dei beneficiari. Nel d.d.l. inviato al Parlamento non si fa alcun riferimento a importi e fasce di reddito. L’unica certezza è che con 3 miliardi impegnati il primo anno e 5 nel secondo non si potranno fare miracoli.

Anche perché sembra ormai assodata l’intenzione del governo di estendere il bonus anche ai redditi compresi tra 26.600 e 35 mila euro, ovvero a quella platea di lavoratori che oggi non percepiscono gli 80 euro di Renzi. 

Bonus in busta paga: sarà maggiore per chi guadagna di più?

Secondo le ultime indiscrezioni, a guadagnarci di più potrebbero essere proprio i lavoratori più "ricchi". Nei giorni scorsi il Corriere ad esempio ha scritto che "chi già prende 80 euro potrebbe ricevere in media una ventina di euro in più, gli altri (ovvero chi guadagna più di 26.600 euro, ndr) un bonus analogo a quello Renzi, decrescente col salire del reddito". La ratio della misura sembra dunque quella di privilegiare chi non riceve il bonus da 80 euro, con buona pace del criterio della progressività fiscale. 

Solo ipotesi per ora. È un fatto però che sul taglio del cuneo fiscale il governo non abbia ancora scoperto le carte. A parte la dotazione finanziaria nel d.d.l depositato in Parlamento non ci sono numeri. Ad oggi dunque non sappiamo quali lavoratori saranno 'premiati' e quali no. Non si tratta di dettagli, ma di scelte politiche. Scelte che per ora l’esecutivo si guarda bene dal fare. 

Stretta sui buoni pasto

Sembra invece confermata la stretta sui buoni pasto. Dal 2020 il limite imponibile di 5,29 euro dovrebbe scendere a 4 euro, mentre l’esenzione per i buoni elettronici sarà aumentata da 7 a 8 euro. Come  spiega Il Fatto Quotidiano, "oggi chi in un mese riceve 20 ticket cartacei si vede riconoscere in busta paga un ‘bonus’ di poco più di 100 euro (5,29 per 20) che viene sottratto alle ritenute. Da gennaio invece l’esenzione dalle tasse si fermerà a 80 euro". A perderci dunque saranno i dipendenti. E del resto da questa misura il governo si aspetta entrate per 51 milioni di euro nel 2020. 

Aumento in arrivo per i dipendenti pubblici

Altro capitolo riguarda la tassa sulle auto aziendali che Renzi vorrebbe cancellare. L’imposta potrebbe essere rinviata o annacquata, ma per avere una conferma bisognerà attendere le prossime settimane. Per i lavoratori dipendenti insomma ci sono più ombre che luci. Gli unici a gioire sono i circa 3 milioni di dipendenti pubblici perchè è in arrivo il rinnovo del contratto collettivo e a regime ogni lavoratore pubblico in media avrà 96 euro in più in busta paga. 

Bonus casa, tra conferme e novità (e un addio): tutti gli sconti nella manovra

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

  • Tasse, chi rischia di pagare di più con la nuova Imu

Torna su
Today è in caricamento