Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia

Bonus energia elettrica, come ottenere uno sconto sulle bollette

La compensazione del 30% finisce direttamente in bolletta. Requisiti e modalità di accesso al bonus: la scheda

Le famiglie a basso reddito hanno diritto al cosiddetto "bonus elettrico", uno sconto annuale sulle bollette dell'energia elettrica che dal 2017 è passato dal 20% al 30%

Lo sconto, come scrive il portale laleggepertutti.it, viene riconosciuto sotto forma di compensazione applicata alla spesa complessiva che il cliente, titolare di un'utenza domestica, ha sostenuto durante l'anno. La cifra è comprensiva di una quota fissa e delle quote variabili relativi ai consumi di energia elettrica, incluse le componenti A e UC applicate alla clientela domestica agevolata. 

L'importo del bonus elettrico viene quindi suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda. 

Il bonus è riservato ai clienti "economicamenti disagiati", ossia i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura elettrica, per la sola abitazione di residenza, appartenente a un nucleo familiare con un reddito risultante dall'Isee non superiore a 8.107,5 euro (valore aggiornato per il 2017).

La compensazione della spesa sostenuta per la fornitura di energia elettrica è riconosciuta ai clienti domestici in condizioni di effettivo disagio economico, in forma parametrata al numero di componenti la famiglia anagrafica, con riferimento ad un livello di consumo di energia elettrica e di potenza impegnata, compatibile con l’alimentazione delle ordinarie apparecchiature elettriche di uso domestico, in modo tale da produrre una riduzione della spesa dell’utente medio indicativamente del 30%

La richiesta del bonus elettrico può essere trasmessa anche per via telematica con le modalità stabilite dall'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico in accordo con l'Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci). La domanda va presentata presso il comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune (Caf, Comunità montane) utilizzando gli appositi moduli. Alla domanda occorre allegare: documento di identità; eventuale allegato D di delega (se la domanda è presentata da un delegato e non dall'intestatario della fornitura); modulo A compilato.

E' sufficiente compilare i riquadri relativi alla sola fornitura (elettrica o gas) per la quale si sta facendo la domanda di agevolazione. Va fornita, inoltre, l'attestazione Isee in corso di validità e l'allegato CF con i componenti del nucleo Isee. Bisogna anche avere a disposizione alcune informazioni reperibili in bolletta o nel contratto di fornitura, come la potenza impegnata o disponibile della fornitura e il codice POD (identificativo del punto di consegna dell'energia): si tratta di un codice composto da lettere e numeri, che inizia con IT che identifica in modo certo il punto fisico in cui l’energia viene consegnata dal fornitore e prelevata dal cliente finale. Il codice non cambia anche se si cambia fornitore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus energia elettrica, come ottenere uno sconto sulle bollette

Today è in caricamento