rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Le novità

Bonus giovani: cosa vuole fare il governo Meloni nel decreto lavoro

Il provvedimento è atteso nei prossimo giorni in Consiglio dei ministri. Nella bozza è previsto un incentivo rafforzato che prevede sgravi del 60% per i datori privati che assumeranno under 30. Varrà per 12 mesi su contratti stabili o di apprendistato. Cosa sappiamo finora

Il governo Meloni è al lavoro per contrastare il fenomeno dei "neet", i giovani italiani che non studiano e non lavorano. Neet - dall'acronimo inglese di "not (engaged) in education, employment or training" - è un indicatore che individua la quota di popolazione di età compresa tra i 15 e i 29 anni che non è né occupata né inserita in un percorso di istruzione o di formazione. In Italia i neet sono oltre tre milioni. A livello europeo, se si considera la fascia 15-29 anni stabilita dall'Ue per identificare il fenomeno, l'Italia registra il tasso più alto (23,1%), contro una media del 13,1% per i 27 Paesi dell'Unione. Una percentuale rimasta invariata nell'ultimo decennio e molto lontana dall'obiettivo fissato da Bruxelles per il 2030, che prevede una riduzione al 9%.

Ebbene, nelle intenzioni del governo il primo passo concreto sarà una sorta di nuovo incentivo rafforzato che arriverà nel decreto lavoro, la cui bozza è attesa nei prossimi giorni al tavolo del Consiglio dei ministri. Il "decretone" legge sul lavoro che sarà approvato in una delle prossime riunioni del Consiglio dei ministri contiene una corposa parte su lavoro e pensioni, oltre al cuore del provvedimento, rappresentato dalla riforma del reddito di cittadinanza. E poi ci sono gli incentivi per chi assumerà giovani, appunto. Ecco cosa sappiamo finora.

Per i datori di lavoro privati che assumeranno under 30 "neet" registrati al programma "iniziativa occupazione giovani" sarà riconosciuto un incentivo pari al 60% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali, per 12 mesi. Secondo quanto spiega la bozza, si dovrà trattare di nuove assunzioni effettuate a decorrere dall'1 giugno e fino a fine anno. Per quali contratti si applicherà, nel dettaglio? Questo contributo verrà riconosciuto per assunzioni a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione, e per l'apprendistato professionalizzante, ovvero il cosiddetto apprendistato di secondo livello. Saranno invece esclusi i rapporti di lavoro domestico.

La relazione tecnica che accompagna il decreto legge stima che nel 2023 la misura potrebbe favorire circa 70mila nuove assunzioni di giovani under 30. Tra queste, il 56% (39mila giovani) con un contratto stabile o di apprendistato professionalizzante, per una retribuzione media mensile (calcolata sul 2021) di 1.300 euro. Come spiega il Sole 24 ore, l'agevolazione sarà corrisposta con un conguaglio nelle denunce contributive mensili. Per fruire dell'incentivo servirà fare una domanda all'Inps, tramite un'apposita procedura telematica. Entro cinque giorni, sempre online, l'istituto comunica la disponibilità di risorse per l'accesso all'incentivo. In caso di esito positivo, a favore del richiedente scatta una riserva di somme pari all'ammontare previsto dell'incentivo.

A quel punto, entro i successivi sette giorni, andrà firmato il contratto incentivato. E ancora entro ulteriori sette giorni, andrà comunicata all'Inps, sempre in via telematica, l'avvenuta stipula del rapporto di lavoro. Se non si rispettano queste scadenze, il richiedente decade dalla riserva di somme operata in suo favore, che vengono quindi rimesse a disposizione di nuovi potenziali beneficiari. Sempre secondo quanto emerso finora dalla bozza del decreto, l'incentivo sarà inoltre cumulabile con l'esonero totale triennale previsto per le nuove assunzioni (tra cui le trasformazioni di rapporti a termine) a tempo indeterminato di under 36 effettuate nel corso dell'anno 2023, prorogato dall'ultima legge di bilancio.

Sarà anche cumulabile con altri esoneri o riduzioni di aliquote previsti. In caso di cumulo, però, l'incentivo è riconosciuto nella misura del 20% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali per ogni lavoratore neet assunto. Secondo quanto prevede la bozza, le somme verranno riconosciute dall'Inps in base all'ordine cronologico di arrivo delle domande, tenendo conto dell'effettiva stipula del contratto incentivato. Se i fondi dovessero essere insufficienti, non verranno considerate altre domande. Quindi verrà subito fornita una comunicazione ufficiale dello stop alle richieste.

E i fondi? Nel 2023 la misura sarà coperta con 80 milioni di euro a valore sul programma operativo nazionale "iniziativa occupazione giovani", secondo la ripartizione regionale individuata da un provvedimento Anpal (agenzia nazionale politiche attive lavoro) da emanarsi entro un mese dall'entrata in vigore del decreto lavoro. Per il 2024, invece, la copertura è stimata in 51,8 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus giovani: cosa vuole fare il governo Meloni nel decreto lavoro

Today è in caricamento