Venerdì, 5 Marzo 2021

Il bonus lockdown che arriva dall'Inps per ristoranti e bar

È una delle novità del decreto Ristori: dovrebbe arrivare a novembre. Ecco cos'è e come funziona

Giuseppe Conte con il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri

Il cosiddetto "bonus lockdown" è un nuovo indennizzo previsto nel decreto Ristori che l'Inps dovrebbe erogare alle attività, come ristoranti o bar, maggiormente colpite dall'ultimo Dpcm con le nuove restrizioni per limitare i contagi da coronavirus. Cos'è e come funziona? Facciamo chiarezza. Secondo le anticipazioni, per poter richiedere questo bonus un'azienda deve aver registrato una riduzione del proprio fatturato di almeno il 20%. Per un massimo di quattro mesi, i datori di lavoro avranno la possibilità di scontare il totale dei contributi dei propri dipendenti. Se le perdite confermate della società sono invece meno del 20%, il bonus lockdown erogato sarà al 50%.

A chi verrà erogato il "bonus lockdown"

Questo bonus Inps dovrebbe arrivare a novembre, ma non è ancora stata comunicata una data ufficiale. Il bonus verrà erogato a tutte quelle attività - come bar, ristoranti, palestre o cinema - che vengono maggiormente colpite dal nuovo Dpcm (quello del 24 ottobre). Non tutti i settori commerciali potranno richiedere questo bonus: per esempio, è stato escluso il settore agricolo. Il bonus lockdown si va ad aggiungere a un altro indennizzo previsto dall'Inps per un'altra categoria di lavoratori: quelli stagionali del turismo, dello spettacolo e gli intermittenti dello sport. L'ipotesi sarebbe quella di confermare gli importi dei primi bonus erogati durante il lockdown, cioè un aiuto una tantum di importo pari a 600 o mille euro.

Dpcm entro il 9 novembre: come sarà il nuovo lockdown

Previsto anche un bonus Inps per i lavoratori dipendenti e autonomi, che dovrebbe arrivare fino a 1.800 euro. I beneficiari dell'indennizzo devono aver cessato, ridotto o sospeso la propria attività o il proprio rapporto di lavoro, e non devono aver avuto accesso alle misure previste dal decreto Cura Italia. Per questa categoria di lavoratori l'importo riconosciuto è di 600 euro al mese per il periodo di marzo, aprile e maggio.

Tra le altre novità inserite nel decreto Ristori c'è anche la terza proroga del divieto di licenziamento, portato a fine gennaio 2021 e poi prolungato fino a fine marzo: non sarà più legato alla fruizione della cassa integrazione introdotta per il coronavirus. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bonus lockdown che arriva dall'Inps per ristoranti e bar

Today è in caricamento