Martedì, 11 Maggio 2021

Bonus scarpe, vestiti e arredi: incentivi a pioggia per rilanciare i consumi

Il meccanismo pensato per il "bonus bar e ristoranti" potrebbe essere esteso anche ad altri settori in crisi. Ad anticipare la misura, ancora in fase di studio, è stata la sottosegretaria al Mise Alessia Morani

Foto di repertorio

I dettagli sono ancora tutti da definire, ma la strada sembra tracciata. E due giorni fa è arrivata anche la conferma da parte della sottosegretaria al Mise Alessia Morani. Il governo ha intenzione di introdurre bonus a pioggia per sostenere alcuni settori particolarmente colpiti dalla crisi.

Oltre al bonus per i clienti di ristoranti, agriturismi, tavole calde e (forse) bar, che dovrebbe prevedere un rimborso del 20% sul conto per chi paga con carta, ecco che prende forma anche l’idea di garantire un ristoro anche a chi acquista capi di abbigliamento, calzature, elementi di arredo e (forse) elettrodomestici. L’idea è quella di legare il bonus al pagamento con carta o bancomat. In realtà, così come per il bonus ristoranti, non è stato ancora deciso nulla. Il governo vuole verificare la fattibilità dell’operazione. La priorità, in un momento come questo, è sostenere la ripresa e rilanciare i consumi. La lotta all’evasione fiscale, con la crisi che morde, passa in secondo piano.

Aggiornamento. Il bonus consumi e ristoranti rischia di saltare: addio agli sconti?

Allo studio un bonus per sostenere i consumi

Il meccanismo dovrebbe essere operativo da settembre a dicembre 2020. "La proposta che abbiamo illustrato al Ministro Patuanelli e al Ministro Gualtieri - ha spiegato su facebook Morani - è in fase di definizione insieme ad altri ministeri coinvolti nella stesura della misura. È un provvedimento importante con un meccanismo di utilizzo semplice, che consentirà di immettere nel sistema immediata liquidità e avrà un effetto benefico su imprese, commercianti e consumatori".

soldi ansa-3

I dettagli, così come il perimetro di applicazione della misura, sono ancora tutti da definire. Secondo Morani comunque il provvedimento riguarderà "i settori più in sofferenza come arredo, abbigliamento e calzature, ristorazione, solo per fare alcuni esempi".

Il bonus per abbigliamento, calzature ed elettrodomestici dovrebbe essere molto simile a quello ideato per la ristorazione, tant’è che forse si potrebbe parlare semplicemente di "bonus consumi" o di "bonus per i pagamenti con i Pos". 

La sostanza non cambia. Resta il fatto che dopo sisma ed ecobonus, bonus auto, bonus bici e monopattini, bonus vacanze e bonus baby sitting (forse ne dimentichiamo qualcuno), il governo giallorosso si appresta ad introdurre l’ennesimo incentivo nel giro di pochi mesi. Da bonuslandia è tutto.

Bonus ristoranti, per i clienti un rimborso del 20% sul conto: la misura prende corpo

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus scarpe, vestiti e arredi: incentivi a pioggia per rilanciare i consumi

Today è in caricamento