Bonus vacanze, sfondata quota 300mila: arrivano tre chiarimenti essenziali

Già erogati più di 306.523 bonus vacanze, per un controvalore economico di oltre 140 milioni di euro. Tutti i chiarimenti necessari per utilizzare al meglio il bonus che arriva fino a 500 euro

Ad oggi sono stati erogati più di 306.523 bonus vacanze, per un controvalore economico di oltre 140 milioni di euro. A fare il punto dell'incentivo è il ministro dell'innovazione digitale Paola Pisano con un tweet. Il buono è stato già speso da  5.432 famiglie e potrà essere richiesto fino al 31 dicembre prossimo.

Tre chiarimenti importanti. Nel bonus vacanze, non ci sono più dubbi, possono essere compresi anche i servizi accessori, come quelli balneari. A chiarirlo è l’Agenzia delle Entrate. In pratica il turista può utilizzare il bonus anche per pagare i servizi balneari (ombrelloni e sdraio, ad esempio), a patto che facciano parte di un pacchetto incluso nella fattura emessa da un unico fornitore, cioè dalla struttura scelta per trascorrere le vacanze. Tanto per fare un esempio, se si decide di andare in un albergo e si fruisce dei servizi balneari di un secondo fornitore, il bonus è spendibile se il titolare dell’albergo include nella fattura anche quei servizi".

Per quel che riguarda invece le strutture in cui è possibile beneficiare dell’agevolazione, il bonus è utilizzabile presso un’impresa turistico ricettiva che gestisca alberghi oppure alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni (come ad esempio resort, ostelli della gioventù, villaggi turistici, colonie marine, rifugi di montagna, bungalow o villette per vacanze, bed&breakfast). Lo sconto è valido anche per chi prenota con agenzie di viaggio e tour operator. Restano esclusi i soggetti che svolgono un’attività alberghiera o agrituristica non esercitata abitualmente.

Il bonus è usufruibile fino al 31 dicembre 2020. Il bonus è spendibile una sola volta nel periodo indicato. Per richiederlo, occorre installare l’applicazione IO, resa disponibile da PagoPa e scaricabile dai principali stores. Una volta effettuato l’accesso all’app mediante l’identità digitale Spid o la Carta d’identità elettronica (Cie 3.0), sarà possibile richiedere fino al 31 dicembre 2020 il bonus dopo aver verificato di averne i requisiti, cioè una Dichiarazione sostitutiva unica – Dsu – in corso di validità, da cui risulti un Isee inferiore a 40 mila euro. Se avrà diritto al bonus, otterrà un codice univoco (e relativo QR-code) da mostrare al titolare della struttura per l’applicazione dello sconto.

Il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, a margine del consiglio confederale della Uil, ha commentato: "Bene il bonus vacanze. Si vedono segni concreti e tangibili del lavoro di questi mesi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che cos'è il bonus vacanze e a chi spetta

Il “Bonus vacanze” è un contributo destinato alle famiglie che effettuano un soggiorno presso una struttura ricettiva italiana, prenotando direttamente. L’importo è modulato secondo la numerosità del nucleo familiare: 500 euro per nucleo composto da tre o più persone; 300 euro da due persone; 150 euro da una persona. Possono ottenerlo i nuclei familiari con ISEE fino a 40.000 euro. Il bonus può essere richiesto e viene erogato esclusivamente in forma digitale, mediante una APP e può essere speso presso le strutture ricettive italiane dal 1° luglio al 31 dicembre 2020. Per poter utilizzare l’agevolazione è necessario verificare preventivamente se la struttura ricettiva aderisce all’iniziativa e accetta il bonus. Inoltre, il bonus può essere utilizzato da un solo componente del nucleo familiare, anche diverso dalla persona che lo ha richiesto; può essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia; è fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore; il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene fatturato il soggiorno (con fattura elettronica o documento commerciale).

Bonus vacanze fino a 500 euro: si parte, ma il settore è scettico

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gf Vip, De Blanck: "Alba Parietti una stronza". Il figlio dà ragione e lei chiama in diretta

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi sabato 19 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di martedì 22 settembre 2020: numeri e quote

  • Chi è Tommaso Zorzi e perché è famoso: tutto sull'influencer, dall'amore alla carriera

  • Polemica a Tale e Quale, Carmen Russo nei panni di Stefania Rotolo ma la figlia non apprezza

  • Mascherina (di nuovo) obbligatoria all'aperto in Campania: l'ordinanza di De Luca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento