Bonus vacanze, occhio al reddito e ai due passaggi "chiave": cosa serve per ottenerlo

Per usufruire del buono bisogna chiedere l'ISEE e munirsi di Spid. A breve arriverà anche un'app dedicata

Foto di repertorio

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è stata pubblicata una guida che spiega nel dettaglio come ottenere il bonus vacanze, il contributo introdotto dal “decreto rilancio” per rilanciare il turismo dopo mesi di lockdown. Iniziamo col dire che il bonus può essere richiesto e speso dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 dai nuclei familiari (e sottolineamo nuclei familiari) con ISEE fino a 40mila euro.

Insomma, per ottenere il buono da spendere in hotel e b&b bisognerà chiedere l’ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente). È possibile farlo  agli uffici del proprio Comune di residenza oppure ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF). I più smaliziati tuttavia potranno fare richiesta anche on line all’Inps attraverso il servizio dedicato.

Per chiedere l’ISEE (che va aggiornato ogni anno) è necessario compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), un documento che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di un nucleo familiare, che va appunto presentata presso il proprio Comune, in un Caf o direttamente all’Inps grazie al servizio on line. Sulla base dei dati forniti nella DSU l’Inps calcola il valore ISEE. Se questo risulta inferiore ai 40mila euro i componenti del nucleo familiare avranno tutto il diritto di chiedere il così detto bonus vacanze.

Bonus vacanze, come chiedere lo Spid

Per ottenere il rimoborso però è necessario avere anche  lo Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o la Carta d’Identita Elettonica. Per chiedere lo Spid bisogna scegliere un provider tra quelli indicati sul sito del governo e seguire le istruzioni. La parte più "complicata" dell’operazione è quella del riconoscimento, che può avvenire sia di persona, recandosi in un ufficio indicato dal provider, che tramite webcam o firma digitale.

L'app per ottenere il bonus vacanze

Completata quest’operazione la strada verso il bonus vacanze è tutta in discesa. L’ultimo passaggio, il più semplice, è quello di scaricare un’apposita app per smartphone che verrà messa a disposizione degli utenti nelle prossime settimane. Il bonus, spiega infatti l’Agenzia delle Entrate, “potrà essere richiesto e sarà erogato esclusivamente in forma digitale”.

Gli importi

L’importo del buono è modulato tenendo conto dei componenti del nucleo familiare:

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone.
  • 300 euro da due persone
  • 150 euro da una persona.

Bonus vacanze, occhio ai paletti

Ci sono però dei paletti. E vale a dire:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Il bonus può essere utilizzato da un solo componente per ciascun nucleo familiare
  • Deve essere speso in un’unica soluzione e nei riguardi di una sola impresa turistica ricettiva, o di un solo agriturismo o bed & breakfast
  • Il corrispettivo della prestazione deve essere documentato con fattura elettronica o documento commerciale
  • sarà fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore; 
  • il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene fatturato il soggiorno (con fattura elettronica o documento commerciale).
  •  Per usufruire del bonus bisogna rivolgersi direttamente alla struttura in cui si sceglie di alloggiare, senza l’intermediazione di altri soggetti (come siti di viaggi etc).

Sul sito del Mibact viene precisato che per ottenere il bonus non bisogna stampare nulla. Una volta scaricata l’app, il buono sarà a nostra disposizione sullo smartphone. Per usufruirne "basterà mostrarlo all’albergatore, quando dovrai pagare il tuo soggiorno direttamente presso la struttura dove sceglierai di trascorrere le vacanze".

Bonus ristrutturazione al 110%: lavori gratis, ma quanti dubbi. Chi rischia la "beffa"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lele Mora senza filtri: "Alberto Matano e il suo amico speciale. Garko? Fui io a fargli vincere concorsi, poi lo portai da Tarallo"

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di giovedì 22 ottobre: numeri vincenti e quote

  • Il Dpcm 25 ottobre chiude l'Italia alle 18 ma...

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di oggi sabato 24 ottobre: numeri vincenti e quote

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento