Sabato, 19 Giugno 2021
Crisi economica / Grecia

Grecia, la Borsa riapre e crolla

Dopo cinque settimane di chiusura la Borsa di Atene apre e crolla. Pesanti le vendite su tutti i settori, compreso quello dei finanziari, in rosso del 20%, trascinati al ribasso dalla National Bank of Greece, in calo del 30%

Foto www.kathimerini.gr

ATENE (GRECIA) - La Borsa di Atene, dopo cinque settimane, riapre e in avvio perde il 22,9%. Nessuna sorpresa, certo, ma la preoccupazione è comunque alta soprattutto considerando "dove" si è aperta la falla: pesanti le vendite su tutti i settori, compreso quello dei finanziari, in rosso del 20%, trascinati al ribasso dalla prima banca commerciale greca, la National Bank of Greece, in calo del 30%. 

TITOLI BANCARI - Come spiega il Sole 24 Ore, la causa del crollo del listino sono stati i titoli bancari che devono essere ricapitalizzati con almeno 25 miliardi di euro "da trovare dai proventi di un fondo per le privatizzazioni".

IN CASO DI FLOP - Ma se non dovessero arrivare da quella privatizzazioni, allora toccherebbe all'Esm aprire i cordoni della borsa e sborsare il contante o in via indiretta attraverso un prestito che aumenterebbe però il debito o in modo diretto attraverso una iniezione di capitale nelle azioni delle quattro maggiori banche greche. 

A quel punto però sarebbe necessario applicare, secondo le regole dell'Esm, il bail in , cioè la partecipazione alle perdite di azionisti, obbligazionisti e depositanti fino all'8% delle passività (liabilities) delle banche salvate.

CHI "CROLLA" - Flessioni a catena hanno investito tutti i titoli, a cominciare dalle banche che sono risultate le più penalizzate in questa riapertura agli scambi, dopo che proprio sul sistema creditizio ellenico nelle scorse settimane si erano concentrati molti dei timori. La Banca del Pireo e la Banca Nazionale di Grecia hanno assistito a cadute del 30 per cento, prima di venir sospese per eccesso di ribasso. Ma l'ondata di dismissioni non ha risparmiato società di ben altro genere, come la compagnia elettrica nazionale greca che a sua volta subisce un pesantissimo meno 28 per cento a tarda mattina. Incorporando il calo di oggi, sull'insieme degli ultimi 12 mesi la borsa greca ha accumulato una flessione del 47 per cento, risultando uno dei mercati peggiori a livello planetario.

LA PICCOLA RIPRESA - A tarda mattina l'indice generale della borsa cerca sembra in qualche misura stabilizzarsi e limare la caduta al meno 18,61, posto che appunto diversi titoli sono sospesi. "Era ovviamente previsto", ha rilevato Constantine Botopoulos, numero uno dell'autorità di vigilanza sui mercati. "Ma non dobbiamo lasciarci trascinare in giudizi avventati. Bisogna aspettare la fine della settimane per una valutazuione a freddo sulla riapertura". 

CHIUSURA A -16% - L'indice principale, molto debole dall'avvio, ha registrato al termine delle contrattazioni un calo del 16%. Pesantissima la giornata per i titoli bancari, quasi tutti prossimi alla soglia del -30%.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grecia, la Borsa riapre e crolla

Today è in caricamento