Martedì, 2 Marzo 2021

Piazza Affari in rialzo: schizza il titolo della Juventus dopo l'acquisto di CR7

Il titolo della Juventus FC ha accelerato al rialzo sul finale, in positivo del 5,8%, quando si è diffusa la notizia - poi confermata - dell'acquisto del cartellino di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid per 105 milioni di euro

(Alliance News) - Piazza Affari chiude in rialzo la seconda seduta di scambi della settimana, con gli industriali Brembo e Cnh tra i titoli migliori del listino principale. Il Mib ha chiuso in rialzo dello 0,1% a 22.057,30 dopo aver chiuso la sessione di lunedì in rialzo dello 0,5%. Il Mid-Cap cede lo 0,1% a 41.123,38 punti mentre ieri ha ceduto lo 0,1%. Lo Small-Cap flette dello 0,1% a 22.146,46 punti a fronte di un rialzo dello 0,4% del giorno prima. Infine, l'AIM Italia finisce poco al di sopra della parità a 9.928,24 punti mentre lunedì ha guadagnato lo 0,8%.

In testa al FTSE Mib si attestano i titoli della galassia Agnelli, con Cnh Industrial su del 2,3%. Buona anche la prestazione di Fiat Chrysler, che sale dello 0,6%, nonostante proprio questa mattina HSBC abbia tagliato il target price della casa automobilistica a EUR21,00 da EUR24,00 con rating 'Buy'. Sorridono anche le parenti Ferrari, che guadagna l'1,8% ed Exor, che sale dell'1,4%. Tra gli industriali, Brembo segna un rialzo del 2,7%. Salvatore Ferragamo guadagna il 3%, supportato dalle valutazioni positive di Jefferies che ha alzato il rating sul titolo a 'Hold' da 'Underperform'.

Tra i titoli in perdita, Telecom Italia cede il 2,5% piazzandosi sul fondo del Mib, mentre gli investitori continuano a interrogarsi sul futuro della compagnia e sugli eventuali accordi con Open Fiber. Male anche le banche, dopo le dichiarazioni del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, che in occasione dell'assemblea dell'Abi ha dichiarato che la riforma delle banche popolari "va portata a compimento, così da consentire alle rimanenti popolari di dimensioni rilevante di conseguire i necessari miglioramenti in termini di trasparenza degli assetti di governance e di capacità di ricorso al mercato". Bper Banca cede l'1,9%, Intesa e UniCredit perdono l'1,6% mentre Banco BPM flette dello 0,8%. In controtendenza Banca Generali, che sale del'l1,1%, dopo aver realizzato a giugno una raccolta netta di EUR502 milioni, con un saldo da inizio anno di EUR3,15 miliardi. Nel mese precedente, la raccolta era stata pari a EUR603 milioni. Fuori dal paniere principale, Banca Carige chiude sulla parità dopo che l'azionista Raffaele Mincione, che detiene una quota superiore al 5% del capitale, ha chiesto al cda dell'istituto genovese riunitosi oggi la convocazione dell'assemblea per il mese di settembre con la discussione sulla revoca del board.

Il titolo della Juventus FC ha accelerato al rialzo sul finale, in positivo del 5,8%, quando si è diffusa la notizia - poi confermata - dell'acquisto del cartellino di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid per 105 milioni di euro, con un quadriennale da 30 milioni a stagione per il portoghese.

Fincantieri sale del 7,3%, in seguito alle ipotesi di un possibile mega contratto per la Marina Usa. Gli analisti apprezzano inoltre quanto trapela da Palazzo Chigi su Fincantieri e Leonardo, legate dall’affare Stx, dove da fonti vicine al leghista Giancarlo Giorgetti che segue il dossier delle nomine trapela la fine di una certa “collateralità” con l’Eliseo nelle nomine dei manager italiani. In calo Notorius, giù dell'1,7%%, dopo aver avviato la co-produzione internazionale con la società belga Tarantula per il film "The Shift". Il budget complessivo ammonta a circa EUR3,7 milioni, di cui il 60% riferibili a Notorious Pictures e il 40% alla belga Tarantula.

Fnm, in vista della scissione della partecipata Trenord, guadagna l'11,5%. In relazione alle dichiarazioni rilasciate dal Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, e riprese da alcuni organi di stampa relative all’obiettivo di garantire gli investimenti per nuovi treni e migliorare la qualità del servizio di trasporto ferroviario regionale da attuare attraverso il superamento dell’assetto gestionale attualmente in capo a Trenord, la società “si è dichiarata disponibile ad approfondire con il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, nel rispetto delle disposizioni normative e procedurali applicabili alla stessa società, le modalità tecnico-giuridiche per il raggiungimento del sopraindicato obiettivo". Sul fronte economico, in Italia la crescita dei prestiti al settore privato è rallentata nel mese di maggio, come reso noto da un report della Banca d'Italia. Infatti, i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti del 2,5% su base annua dal 3,0% d'aumento registrato ad aprile.

La produzione industriale italiana è tornata a crescere a maggio, anche se al di sotto delle stime degli economisti, come mostrato martedì dai dati forniti dall'Istat. L'indice della produzione è salito del 2,1% su base annua, accelerando il ritmo di crescita dell'1,9% registrato ad aprile, mentre gli economisti si aspettavano un aumento più marcato al 2,7%. I prezzi delle case nell'Eurozona, come mostrato dal report dell'Eurostat reso noto martedì, sono aumentati dello 0,6% su base trimestrale nel primo quarto del 2018, dopo essere aumentati dello 0,8% nel trimestre precedente su base sequenziale. Dalla Germania, la fiducia degli investitori tedeschi è scesa al livello più basso in quasi sei anni a luglio, dal momento che il sentiment è stato ferito dall'incertezza politica, come hanno mostrato martedì i dati del sondaggio del Centro per la ricerca economica europea o ZEW.

L'indicatore ZEW del sentiment economico per la Germania è sceso di 8,6 punti a meno 24,7 punti, che è la lettura più bassa dall'agosto del 2012, come ha riferito il think tank di Mannheim. Nel vecchio Continente, tutti gli indici chiudono positivi. Il DAX 30 a Francoforte chiude in rialzo dello 0,5%, mentre il CAC 40 guadagna lo 0,7%. A Londra, il FTSE 100 termina in verde dello 0,1%. Tra i migliori, il colosso degli alimentari online Ocado è aumentato 9% dopo aver invertito alcune perdite iniziali ed aver toccato il minimo di 935.80 pence nelle negoziazioni del mattino.

Ocado ha riportato una perdita ante imposte di GBP9,0 milioni nei sei mesi chiusi il 3 giugno, affondando dopo l'utile di GBP7,7 milioni registrato nello stesso periodo dell'anno precedente. Nonostante questo, le entrate hanno registrato una crescita a doppia cifra di GBP799,9 milioni, in crescita del 12% rispetto ai GBP713,8 milioni dell'anno precedente, a causa dell'aumento delle commissioni da parte dei clienti e dell'aumento del numero medio di ordini a settimana. A Wall Street, dove i riflettori sono già puntati sulla stagione delle trimestrali che negli Stati Uniti inizierà ufficialmente venerdì, a metà seduta il Dow Jones è su dello 0,7%. Il Nasdaq guadagna lo 0,3% mentre lo S&P 500 avanza dello 0,4%.

Nel Forex, a fine seduta la moneta unica si attesta a USD1,1727 da USD1,1749 di lunedì pomeriggio. La sterlina, invece, vale USD1,3275 contro il dollaro rispetto a USD1,3250 della precedente chiusura. Nel mercato delle materie prime, il brent viene quotato a USD78,58 al barile contro USD78,12 di lunedì sera mentre un'oncia d'oro ha un valore di USD1.254,97 rispetto a USD1.261,09. Nel calendario economico di mercoledì, dal Regno Unito arriverà l'indice Halifax dei prezzi delle case alle 0201 CET. Nel pomeriggio, negli Usa saranno resi noti l'indice dei prezzi alla produzione e le richieste dei mutui settimanali MBA alle 1430 CET. Infine, le scorte di magazzino saranno pubblicate alle 1600 CET.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Affari in rialzo: schizza il titolo della Juventus dopo l'acquisto di CR7

Today è in caricamento