Mercoledì, 20 Gennaio 2021

Buste paga, pensioni e assegno unico: cosa cambia nel 2021

Il Cdm ha approvato il testo della legge di bilancio: confermato il taglio del cuneo fiscale, tra le novità da segnalare l'introduzione del cashback e del bonus per i figli. Stanziati 4 miliardi per le attività colpite dal Covid

Il ministro dell'Economia Gualtieri, ANSA

 Il Consiglio dei ministri, a quanto si apprende, ha dato il via libera al testo definitivo della legge di bilancio, approvata lo scorso 18 ottobre ma 'salvo intese'. Ora il testo, che si compone di 228 articoli, dovrà passare al vaglio del Parlamento. Tra le novità più importanti lo stanziamento di tre miliardi per l’assegno unico per le famiglie, ovvero il bonus per ogni figlio a carico fino ai 21 anni di età (la misura dovrebbe partire da gennaio) e gli sgravi per le imprese che assumono giovani e donne. 

Legge di bilancio: le novità sulle pensioni

Sul fronte pensionistico nella manovra dovrebbe trovare posto anche la conferma di Ape Social e Opzione Donna,  mentre non compare la proroga del blocco della rivalutazione al 2023. Dal 1° gennaio 2022 dunque dovrebbe scattare un nuovo meccanismo che prevede solo tre fasce con il 100% della rivalutazione per le pensioni fino a 4 volte il minimo, il 90% per i trattamenti tra 4 e 5 volte il minimo e 75% per le altre pensioni.  Nella manovra viene inoltre previsto il ''riconoscimento della piena anzianità contributiva dei part-time verticali ciclici ai fini della pensione". In poche parole anche quei lavoratori part-time che restano inattivi in alcuni periodi dell'anno, avranno gli anni di servizi prestati valutati in pieno ai fini del diritto alla pensione.

Via libera al cashback

Tra le novità da segnalare anche l’introduzione del così detto cashback, ovvero il rimborso pari al 10% delle spese effettuate (per un massimo di 150 euro) nei negozi fisici per chi paga con la carta. Il primo rimborso dovrebbe avvenire nel mese di dicembre. Previsti anche due premi due premi l'anno da 1.500 euro ciascuno ai primi 100mila che utilizzano più volte la moneta elettronica.

 Sul cashback non sono previste tasse. Nel testo della manovra viene infatti precisato che "i rimborsi attribuiti non concorrono a formare il reddito" e "non sono assoggettati ad alcun prelievo erariale".

Il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha annunciato che la legge di bilancio 2021 prevede tra le altre cose la ''proroga della decontribuzione al 30% per le aziende del Mezzogiorno'' e il  ''rifinanziamento del taglio del cuneo fiscale entrato in vigore lo scorso luglio che prevede l'aumento, fino a 100 euro mensili in busta paga, per i dipendenti con reddito annuo entro i 40 mila euro". In sostanza resta in vigore il decreto entrato in vigore già mesi fa che prevede aumenti da 20 a 100 euro per i dipendenti a seconda delle fasce di reddito. 

Covid, stanziati 4 miliardi per le attività colpite dalla pandemia

Molte risorse verranno ovviamente destinare all’emergenza sanitaria. In particolare 400 milioni verranno spesi per l'acquisto dei vaccini anti-Covid e dei farmaci per la cura dei pazienti. Ci sono inoltre 5 miliardi per il rifinanziamento della Cig Covid, 4 miliardi al fondo per i ristori delle attività più colpite dalla pandemia.

Gli sgravi per le imprese che assumono giovani e donne

Secondo quanto si apprende, la legge di bilancio prevede inoltre la decontribuzione per le assunzioni nel biennio 2021/22 di giovani fino ai 35 anni e donne. Ci sarà anche un fondo da 500 milioni per le politiche attive.

E ancora: aumentano i fondi per gli asili nido e vengono stanziate risorse aggiuntive per il potenziamento delle strutture comunali. Nel dettaglio si tratta di 100 milioni nel 2022, 150 milioni nel 2023, 200 milioni nel 2024, 250 milioni per il 2025 e 300 milioni di euro annui dal 2026.

Pensioni e buste paga: a dicembre arriva l'assegno maxi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buste paga, pensioni e assegno unico: cosa cambia nel 2021

Today è in caricamento