Domenica, 28 Febbraio 2021

Carta Famiglia, che cosa è e per chi vale il bonus famiglie numerose

E' stato introdotto per il 2018: ecco chi può richiederlo, i limiti di reddito e tutte le informazioni

Riconfermato ma ridotto a un anno di durata il bonus bebè, per il 2018 è stato introdotto anche un bonus per famiglie numerose, noto anche come Carta Famiglia. Ecco di cosa si tratta. Il bonus famiglie numerose si applica a famiglie con almeno 3 figli a carico e un reddito che non supera i 30mila euro. Le famiglie beneficiarie devono ovviamente essere residenti in Italia, ma il bonus si applica anche a famiglie i cui componenti non siano in Italia (purché in regola per quanto riguarda la permanenza nel Paese).

Tutti i bonus e le esenzioni per chi guadagna mille euro al mese 

Bonus famiglie numerose: come e a chi richiederlo

Il bonus famiglie numerose va chiesto al Comune di residenza, presentando la Dichiarazione Sostitutiva Unica che attesta il reddito Isee che dà diritto all’agevolazione. Se la domanda viene accolta, viene rilasciato un tesserino cartaceo (Carta Famiglia) contenente sul retro il logo del Comune emittente, il numero progressivo della tessera, preceduto dal codice Comune, i dati anagrafici e il codice fiscale dell’intestatario, il luogo e la data di emissione e la data di scadenza. I costi di emissione del tesserino sono a carico del beneficiario.

Carta Famiglia 2018: come funziona la card per le famiglie numerose

Carta Famiglia 2018: quanto vale il bonus e per cosa si può usare

Il bonus famiglie numerose vale 2 anni e non fornisce contributi ma consente di accedere ad agevolazioni per l’acquisto di beni e servizi forniti da soggetti pubblici e privati per alcune spese sostenute quali, ad esempio: prodotti alimentari, l’abbonamento per i trasporti pubblici e agevolazioni per le bollette di gas e luce. Per usufruire delle agevolazioni è necessario esibire la Carta Famiglia assieme al documento di identità ancora valido. Per sapere chi aderisce all’iniziativa si può consultare l’elenco sul sito del Ministero del Welfare (i partner convenzionati saranno riconoscibili tramite uno specifico bollino che riporterà le diciture Amico della famiglia o Sostenitore della famiglia: nel primo caso si tratta di partner che praticano sconti o riduzioni o agevolazioni pari o superiori al 5% rispetto al normale prezzo; nel secondo di partner che offrono sconti o riduzioni o agevolazioni pari o superiori al 20% rispetto al normale prezzo).

Dal blog Asso di denari di Carlo Sala

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carta Famiglia, che cosa è e per chi vale il bonus famiglie numerose

Today è in caricamento