rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Il restyling

Il nuovo bonus da mille euro per chi rischia di perdere il lavoro

Come cambia la cassa integrazione nel 2022. Le principali novità riguardano i beneficiari e il tetto massimo all'assegno

Nel 2022 avremo a che fare con una nuova cassa integrazione, strumento che si è rivelato vitale per tenere in piedi l'economia italiana durante la pandemia. A fronte delle criticità emerse, però, si è deciso di cambiare forma al contributo economico salariale, ampliando la platea dei beneficiari e introducendo un tetto unico massimo all'assegno solitamente erogato dall'Inps. Vediamo insieme nel dettaglio come cambia la cassa integrazione nel 2022.

Cassa integrazione 2022: ampliata la platea dei beneficiari

La cassa integrazione, o cig, è una prestazione economica a carico dello Stato che sostituisce od integra la retribuzione di quei lavoratori che a causa delle difficoltà dell'azienda sono stati sospesi dal lavoro o lavorano ad orario ridotto. A partire dal 2022, grazie alla riforma degli ammortizzatori sociali, è stata ampliata la platea dei beneficiari dell'integrazione salariale. In particolare, la legge di Bilancio 2022 ha esteso la cassa integrazione guadagni ordinaria (Cigo), la cassa integrazione straordinaria (Cigs), i Fondi di solidarietà bilaterali e il Fondo di integrazione salariale (Fis) anche ai lavoratori a domicilio e agli apprendisti. Vale la pena ricordare che per lavoro a domicilio si intende una tipologia di lavoro subordinato, caratterizzata dal fatto che la prestazione lavorativa è compiuta presso il domicilio del lavoratore. Per gli apprendistati, invece, sono incluse tutte le tipologie: apprendistato di alta formazione e di ricerca, i lavoratori con apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore e di apprendistato di alta formazione e ricerca. Inoltre, il provvedimento riduce da 90 a 30 giorni l'anzianità minima di effettivo lavoro che i lavoratori devono possedere per poter beneficiare dell'integrazione salariale. Vanno ricomprese nel conto anche le giornate “di sospensione dall’attività lavorativa derivanti dalla fruizione di ferie, festività, infortuni e astensione obbligatoria dal lavoro per maternità”.

Introdotto un massimale unico all'assegno di 1.199 euro

Novità importanti riguardano poi l'importo dell'assegno della cassa integrazione, che come sappiamo è pari all'80% dell'ultima retribuzione. Ricordiamo che il contributo integrativo viene garantito ai datori di lavoro con più di 15 dipendenti, indipendentemente dal settore lavorativo, inclusi i dirigenti, i lavoratori a domicilio e gli apprendisti (di tutte le tipologie) che prestano la propria attività con vincolo di subordinazione sia all'interno sia all'esterno dell'azienda. A partire da gennaio 2022 l'Inps ha previsto il "superamento dei previsti due massimali per fasce retributive attraverso l’introduzione di un unico massimale - il più alto, che, per l’anno 2021, è stato pari a 1.199,72 euro - annualmente rivalutato secondo gli indici Istat, che prescinde dalla retribuzione mensile di riferimento dei lavoratori". Così recita la circolare Inps n.18 del 1° febbraio 2022. Fino allo scorso anno, infatti, per i redditi pari o inferiori ai 2.159,48 euro accanto al tetto dei 1.199 euro per i lavoratori del settore edile esisteva anche il tetto di 998 euro lordi per la generalità dei settori, valore decisamente inferiore al massimo teorico previsto dell’80% della retribuzione. Con questo nuovo tetto unico, dunque, si è voluta eliminare questa stortura. Detto ciò, nel 2022 nulla cambia in termini di cassa integrazione per le retribuzioni:

  • inferiori ai 1.200 euro lordi, visto che il limite massimo non oltrepassa l'80% della retribuzione;
  • superiori ai 2.159 euro, per le quali il limite resta a 1.439,66 euro.

Queste nuove regole varranno solo per le sospensioni dal lavoro richieste nel 2022. La nuova norma non trova applicazione per le richieste aventi ad oggetto periodi plurimensili, a cavallo degli anni 2021-2022, in cui la riduzione/sospensione dell'attività lavorativa sia iniziata nel corso dell'anno 2021, ancorché successivamente proseguita nel 2022.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il nuovo bonus da mille euro per chi rischia di perdere il lavoro

Today è in caricamento