Martedì, 15 Giugno 2021
"Fateci lavorare"

La protesta dei centri commerciali contro le chiusure nel weekend

Giù le serrande per qualche minuto. L'iniziativa vuole richiamare l'attenzione sulle strutture che ospitano oltre 30mila negozi e 780mila dipendenti e che da ormai più di sei mesi devono rinunciare al lavoro nei giorni più importanti: i festivi e i prefestivi

Foto di repertorio Ansa

I centri commerciali protestano contro le chiusure del weekend. Martedì 11 maggio le strutture manifestano il loro dissenso verso le misure anti covid che colpiscono la ripartenza della loro attività. Alle ore 11.00 i punti vendita nei centri commerciali italiani abbasseranno le serrande dei loro negozi in segno di protesta, per chiedere l'immediata revoca delle misure restrittive. Sarà una serrata simbolica, di pochi minuti, ma l'iniziativa vuole richiamare l'attenzione sulle 1.300 strutture che ospitano oltre 30mila negozi e 780mila dipendenti e che da ormai più di sei mesi devono rinunciare al lavoro nei giorni più importanti: i festivi e i prefestivi.

Perché i centri commerciali protestano contro le chiusure nel weekend

Nel testo finale del decreto sulle aperture varato dal governo Draghi non c'è alcun riferimento alla data di riapertura dei centri commerciali. Nelle bozze della road map per la ripartenza da lunedì 26 aprile, l'esecutivo aveva previsto dal 15 maggio la possibilità di aprire i centri commerciali, i parchi commerciali e le strutture analoghe anche il sabato e la domenica nelle regioni in zona gialla. Ma leggendo la versione definitiva del decreto del governo non vi è più traccia di questa misura. Un'assenza che non è passata certo inosservata per i diretti interessati, che ora intendono far sentire la loro voce.

Confesercenti annuncia che parteciperanno oltre 30mila negozi e supermercati. L'iniziativa è promossa dalle associazioni del commercio, Ancd-Conad, Confcommercio, Confesercenti, Confimprese, Cncc-Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali e Federdistribuzione. Sono 780mila i lavoratori che chiedono l'immediata revoca delle misure restrittive. Ormai da più di sei mesi nei centri commerciali si sconta la chiusura dei negozi nei festivi e prefestivi. Il weekend per i commercianti rappresenta il periodo più importante della settimana dal punto di vista degli incassi.

Martedì 11 maggio una delegazione dei vertici delle associazioni del commercio sarà presente a Roma per un confronto con alcuni esponenti politici sulla questione delle riaperture. Intanto, nel governo c'è chi si è già detto favorevole a un'ipotesi di riapertura. "Ci aspettiamo che venga consentita la riapertura dei centri commerciali nei fine settimana - ha detto la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini -. Altrimenti si tratterebbe di un accanimento incomprensibile e ingiustificato, visto che i luoghi di contagio sono altri".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La protesta dei centri commerciali contro le chiusure nel weekend

Today è in caricamento