rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Facciamo chiarezza

Quanto costano davvero le commissioni sui pagamenti col Pos

L'esborso è davvero così elevato come lamentano i commercianti? Ecco cosa offre il mercato e quanto si paga in percentuale sul transato

È uno dei temi più caldi delle ultime settimane. Parliamo della norma inserita nella legge di bilancio che cancella di fatto l'obbligo per commercianti e professionisti di accettare carte e bancomat per qualsiasi importo. Dal 2023 le sanzioni scatteranno solo se si rifiutano transazioni sopra i 60 euro.

La maggioranza di governo ha giustificato la misura con la necessità di tenere conto della "crisi di liquidità e degli incrementi dei costi produttivi, gestionali e operativi, prodotti in capo agli operatori economici dall'inflazione e dall'aumento dei costi dei prodotti energetici", oltre che con l'esigenza di "di assicurare la proporzionalità tra l'entità della sanzione irrogabile (in ogni caso non inferiore a 30 euro) e l'importo del pagamento rifiutato". In effetti le lamentele dei commercianti sul costo dei pagamenti con bancomat e carta di credito sono storiche, rafforzate da alcune forze politiche con la narrativa del "regalo alle banche".

Pos: quanto costano le commissioni sui pagamenti

Ma le commissioni costano davvero così tanto? Iniziamo col dire che l'esatto ammontare dei costi dipende da diversi fattori e che gli operatori che forniscono il servizio hanno prezzi diversi. Alcuni esempi: Banca Sella applica una commissione dello 0,95% sui circuiti internazionali, incluse carte business, e dello 0,45% su PagoBancomat. Il noleggio del Pos è gratuito per il primo mese, poi gratis con un transato minimo di 6.000 euro al mese. Altrimenti il noleggio costa 6 euro al mese. Una delle offerte di Poste Italiane prevede invece una commissione fissa sul transato pari all'1,5%. Il costo del dispositivo è di 79 euro, ma non è previsto nessun altro costo fisso mensile.

Con il Pos mobile di Banca Intesa si paga l'1,8% sulle transazioni. Il costo di attivazione è di 60 euro e anche in questo caso non è previsto un canone mensile. Banca Intesa ha poi annunciato di recente che per tutto il 2023 saranno azzerate le commissioni sui micropagamenti fino a 15 euro. Analoga decisione ha preso Nexi che ha annullato tutte le commissioni sulle transazioni fino a 10 euro fino alla fine del prossimo anno. Nexi propone diverse soluzioni. Una di queste è un Pos a 29 euro con zero così fissi mensili e una commissione sul transato pari all'1,89%. Un'altra prevede un canone di 14,50 euro al mese, un costo di attivazione di 79 euro, ma una commissione più bassa pari all'1,2%. E ancora: Unicredit propone il Pos a un canone mensile di 2,80 euro e una commissione dello 0,9% sul transato. Senza costi di attivazione. 

Meloni: "Sul Pos 60 euro soglia indicativa, può essere più bassa"

Abbiamo fatto qualche esempio solo per dare un'idea sommaria del costo delle commissioni. Va da sé che il mercato è piuttosto variegato nonché in continua evoluzione: i pacchetti proposti dagli operatori sono molti ed è difficile restituire un quadro esaustivo della situazione. In generale si può dire che il costo delle commissioni varia dallo 0,9 all'1,9%. Ipotizzando un costo medio dell'1,50%, su una transazione di 50 euro il commerciante paga 75 centesimi. Molti operatori offrono poi degli sconti sulle transazioni per i piccoli pagamenti, fino ad azzerare il costo delle commissioni sotto una certa soglia.

C'è infine un'ulteriore agevolazione per ammortizzare i costi. Per chi ha ricavi inferiori ai 400 mila euro l'anno si può infatti richiedere un credito d'imposta del 30% sulle commissioni legate ai pagamenti elettronici.  È poi vero che anche gestire il contante è un onere: non sono costi immediatamente visibili ma ci sono, dal rischio rapine alla necessità di assicurazioni e sistemi di sicurezza fino al problema delle banconote false. 

Leggi tutte le altre notizie sull'homepage di Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quanto costano davvero le commissioni sui pagamenti col Pos

Today è in caricamento