Venerdì, 14 Maggio 2021
L'ipotesi

Perché si parla di concorsi pubblici online

Il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta, in audizione davanti alle commissioni Lavoro e Affari costituzionali, ha spiegato il piano del suo dicastero: ''Stiamo cercando grandi aree pubbliche per svolgere le prove in sicurezza''

Il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta

L'epidemia di coronavirus ha di fatto bloccato anche i concorsi pubblici. Tra la fine del 2019 e il 2020 sono decine le selezioni sospese e migliaia i posti da assegnare. Svolgere in presenza degli esami a cui partecipano centinaia di candidati è molto complicato in piena pandemia, motivo per cui si sta facendo largo l'ipotesi di svolgere online i concorsi nella Pubblica amministrazione, non da casa ma in delle grandi aree pubbliche

Ad annunciarlo è stato Renato Brunetta, ministro della P.A. del governo Draghi, che ha spiegato linee programmatiche del suo dicastero nelle commissioni riunite Lavoro e Affari costituzionali di Camera e Senato: ''Ci sono dei vincoli del Cts stiamo lavorando per sbloccare i concorsi già banditi. C’era il rischio di fare i concorsi da casa. L’idea cui sto lavorando è quella di individuare luoghi pubblici istituzionali: università, sedi fieristiche e altre aree dotate di strutture, di piattaforme tecnologiche dove ospitare un numero elevato per fare concorsi online in sicurezza. Stiamo facendo alcune verifiche con i sindaci. Questo tipo di soluzione potrebbe partire nell’arco di qualche settimana''.

Il titolare del dicastero della Pubblica amministrazione ha anche reso ufficiale l'addio ai concorsi centralizzati per accedere alla P.A: ''Un concorso non può durare dieci anni. Serve una nuova modalità di accesso. È necessario introdurre profili tecnici (ingegneri, architetti, geologi, chimici, statistici), ma anche competenze gestionali oggi non sufficientemente diffuse (project management, pianificazione, progettazione e controllo, performance e risk management, gestione di risorse umane e finanziarie, policy design, comunicazione digitale, gestione e rendicontazione dei progetti finanziati a valere sui fondi Ue) necessarie per mettere a terra i progetti del Piano e garantirne una celere ed efficace attuazione''. 

''Per questo motivo - ha aggiunto Brunetta -verranno riformati i percorsi di accesso, abbandonando il modello dei concorsi centralizzati con graduatorie a scorrimento e durate pluriennali, non compatibili né con le esigenze delle amministrazioni di reclutare persone rapidamente, né soprattutto delle persone di vedere soddisfatte le loro aspettative di avere risposte in tempi veloci e certi, con la garanzia di parità nelle opportunità. I percorsi di selezione saranno resi digitali, trasparenti e meglio focalizzati sulle esigenze e i fabbisogni delle singole amministrazioni centrali e locali, anche mutuando modelli all’avanguardia utilizzati nelle organizzazioni internazionali e facendo confluire gli stessi sul portale unico per il reclutamento, che sarà l’infrastruttura tecnologica di gestione dei concorsi, comprese le singole prove concorsuali e che, in un’ottica di complementarietà, sarà finanziato con le risorse del Pon Governance, per consentirne l’immediata operatività dopo l’avvio del Pnrr''.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché si parla di concorsi pubblici online

Today è in caricamento