Martedì, 20 Aprile 2021
Italia

E-commerce, il Tar blocca la liberalizzazione delle consegne a domicilio

Accolta dal Tar della Lombardia l'istanza dei sindacati che chiedevano l'immediata interruzione delle attività di e-commerce che le ordinanze di Regione Lombardia avevano nei fatti deregolamentato e reso libere in contrasto con i decreti del governo

Il Tar della Lombardia ha comunicato di aver accolto l'istanza con la quale nei giorni scorsi Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil hanno chiesto l'immediata interruzione delle attività di e-commerce che le ordinanze di Regione Lombardia avevano nei fatti deregolamentato e reso libere in contrasto con i decreti del governo con i quali si sono limitate una serie di attività produttive per contenere la diffusione del virus.

Lo rendono noto i sindacati in nota congiunta. Secondo il decreto del Tar "l'ordinanza avrebbe disatteso i propositi enunciati e ponendosi in contrasto con la normativa emergenziale ampliando, anziché restringere, le attività consentite, autorizzando il commercio al dettaglio di tutte le merci, a fronte del decreto del Governo che limitava il commercio solo a precisate categorie merceologiche ritenute essenziali o strategiche.

Accolta quindi la posizione dei sindacati che denunciavano come la misura regionale incidesse negativamente sul diritto alla salute dei lavoratori. Al punto 3 dell’art. 1 dell'ordinanza regionale si leggeva infatti della completa liberalizzazione delle consegne a domicilio, senza alcuna distinzione tra il recapito di suppellettili e la consegna di mascherine. 

La paura dei sindacati è quella che i magazzini della logistica si possano trasformare in focolai di diffusione del virus, vanificando gli sforzi sanitari e i sacrifici a cui le comunità si stanno ancora piegando.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E-commerce, il Tar blocca la liberalizzazione delle consegne a domicilio

Today è in caricamento