rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022

La crisi da smart working: l'economia bloccata dagli uffici deserti

Incassi a picco, serrande abbassate e prospettive fosche. Per bar, ristoranti e tavole calde il prolungamento dello smart working pone grandi interrogativi ed enormi difficoltà 

Quando la saracinesca non è chiusa chi risponde alle domande di Romatoday parla di una crisi mai vista: fino all’80% di incassi in meno, dipendenti in cassa integrazione o con contratti non rinnovati

È questo lo scenario delle strutture ricettive che si trovano a ridosso dei quartieri che direzionali della Capitale e per vocazione lavorano principalmente durante la pausa pranzo con la clientela degli uffici.

Il quartiere Eur è quasi completamente svuotato, con strade deserte e parcheggi ormai vuoti: l’assenza dei dipendenti degli uffici, pubblici e privati, si fa sentire fortemente. Stessa crisi nella zona di Parioli, piazza Fiume e Porta Pia dove si trovano due Ministeri (Infrastrutture e Economia) ma anche grandi aziende come l’Enel. E se i dipendenti restano a casa in smart working saranno in molti tra bar, ristoranti e bistrot a rischiare di non poter più tirare su la serranda.

Per Roma, già orfana di migliaia di turisti, il prolungamento dello smart working rischia di diventare un grosso problema.

Video popolari

La crisi da smart working: l'economia bloccata dagli uffici deserti

Today è in caricamento