Venerdì, 7 Maggio 2021

Aifa, 100 precari stanno per perdere il lavoro: ''Fatti fuori con famiglie e mutui''

Il prossimo 31 luglio circa 100 lavoratori dell'Agenzia del farmaco perderanno il posto di lavoro: ''Ci hanno comunicato che eravamo fuori dall'oggi al domani''. Il ministero convoca i precari, sospeso il sit-in

La sede dell'Aifa (FOTO ANSA)

Dopo mesi di duro lavoro a causa dell'emergenza coronavirus, ci sono 100 lavoratori che rischiano di rimanere senza occupazione, con famiglie sulle spalle e mutui da pagare. Sono i circa 100 precari dell'Aifa, l'Agenzia italiana del farmaco, che il prossimo 31 luglio vedranno scadere i loro contratti a tempo determinato. 

Aifa, 100 precari stanno per perdere il lavoro

Sono stati gli stessi lavoratori, che hanno anche lanciato l'hashtag #AifaSenzaSperanza, a denunciare la loro situazione: "A fine luglio si chiuderanno le porte per 45 interinali, poi via via i co.co.co. in scadenza. Ma l'Agenzia necessita di più organico. Vogliamo dare voce alla grande preoccupazione di noi precari dell'Agenzia del farmaco (circa 100 persone) di fronte al silenzio del ministro della Salute". Nella giornata di domani, mercoledì 22 luglio, i precari dell'Aifa avevano organizzato un sit-in a Roma per essere ascoltati dal ministro Speranza, poi sospeso in seguito alla convocazione del Ministero.

"Il 31 luglio prossimo per 45 di noi si chiuderanno le porte dell'Agenzia dove abbiamo lavorato, in alcuni casi, anche più di 10 anni, contribuendo al funzionamento dell'Agenzia, cardine del settore regolatorio del farmaco e delle sperimentazioni dei medicinali, come testimoniato anche dal ruolo centrale da Aifa svolto nel corso dell'emergenza sanitaria da Covid-19 ancora in corso. Poi via via - sottolineano i lavoratori - toccherà agli altri contratti co.co.co. passare sotto la scure, con scadenze progressive e, anche qui, nessuna prospettiva di rinnovo. Il no è venuto dal ministero - sostengono i lavoratori in una nota - con una diffida indirizzata ai vertici dell'Agenzia pochi giorni prima del rinnovo contrattuale, e quando a noi era già stata annunciata una proroga al 31 dicembre 2020". 

I precari Aifa: ''Fuori dall'oggi al domani con famiglie e mutui da pagare''

Nei giorni scorsi i lavoratori dell'Aifa avevano denunciato la loro situazione alle agenzie di stampa: ''Ci hanno comunicato che eravamo fuori dall'oggi al domani. Inaccettabile". Una situazione drammatica per tutti loro, che in un primo momento erano stati rassicurati dall'Agenzia, che gli aveva prospettato una proroga fino a dicembre. Poi è arrivato il dietrofront: ''Ci hanno comunicato che c'era un contrordine - spiegano i lavoratori - che il ministero ha bloccato tutto e indirizzato una diffida formale al direttore dell'Aifa in cui viene intimato di non firmare i contratti".

L'obiettivo dei precari è ovviamente quello di salvare i loro posti di lavoro: ''I vertici dell'agenzia con cui abbiamo parlato ci hanno detto che siamo preziosi. Siamo qui da molti anni, conosciamo bene la materia di cui ci occupiamo, abbiamo acquisito un'elevata specializzazione tecnica. In certi uffici siamo tanti e, venendo meno, il rischio è che si blocchino attività. E' un bel problema anche per l'agenzia che perde forze qualificate. Anche i colleghi con contratti a tempo indeterminato sono preoccupati".

"Noi siamo in mezzo - concludono i precari - ci sentiamo in questo momento in balia di eventi e disegni che ci sfuggono. Molti di noi hanno una famiglia con figli da mantenere, altri dei mutui da pagare". Una situazione incredibile, soprattutto in un periodo storico contrassegnato da un'emergenza sanitaria mondiale. Ed il 31 luglio è sempre più vicino.

Precari Aifa, sospeso il sit-in di domani

"Successivamente all'indizione del sit-in dei lavoratori precari dell'Agenzia italiana del farmaco per la mattinata di domani, il ministero della Salute ha convocato un incontro con i nostri rappresentanti per discutere possibili soluzioni". A comunicarlo sono i precari Aifa, informando che "su richiesta dello stesso ministero" il sit-in in programma domani, mercoledì 22 luglio, è al momento sospeso, "riservandoci tuttavia di assumere ogni opportuna iniziativa valutati gli esiti dell'incontro", puntualizzano i lavoratori. L'incontro è fissato per domattina alle 9.30 nella sede di Lungotevere Ripa. I lavoratori restano dunque "in attesa di conoscere il contenuto di eventuali proposte che - sottolineano - auspichiamo possano risolvere l'annoso problema del precariato all'interno dell'Aifa".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aifa, 100 precari stanno per perdere il lavoro: ''Fatti fuori con famiglie e mutui''

Today è in caricamento