Martedì, 20 Aprile 2021

Coronavirus, dalle mascherine ai posti "segnati": cosa cambia per i trasporti

Sono pronte le linee guida per il trasporto pubblico durante la cosiddetta fase 2: tutte le novità per bus, metropolitane, treni, aerei e navi

Foto di repertorio

Distanziamento sociale di almeno un metro, mascherine obbligatorie e posti “segnati” con dei maker: queste sono le principali linee guida per il trasporto sui mezzi pubblici messe a punto dal ministro Paola De Micheli, che verranno allegate al decreto del 26 aprile, quello sulla cosiddetta fase 2. Chi dovrà spostarsi con bus, metropolitane, treni, aerei e traghetti dovrà essere munito di mascherina protettiva, anche di stoffa. Ma, ricordiamo, la presenza dei dispositivi di sicurezza individuale non sostituisce l'obbligo di distanziamento tra i passeggeri

Coronavirus, dalle mascherine ai maker: le nuove misure per i trasporti

Ma non ci sarà soltanto l'obbligo di indossare dei dispositivi di protezione individuale ecco le altre misure di carattere generale: la sanificazione e l'igienizzazione dei locali, dei mezzi di trasporto e dei mezzi di lavoro deve riguardare tutte le parti frequentate da viaggiatori ed effettuata con le modalità definite dalle specifiche circolari del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità; nelle stazioni, negli aeroporti, nei porti e sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza sarà necessario installare dispenser contenenti soluzioni disinfettanti ad uso dei passeggeri. Per quanto riguarda la vendita dei biglietti, verrà incentivata quella con sistemi telematici. Altrimenti, la vendita dei biglietti va effettuata in modo da osservare tra i passeggeri la distanza interpersonale di almeno un metro. Nei casi in cui non fosse possibile il rispetto della predetta distanza, i passeggeri dovranno necessariamente fornirsi di apposite protezioni individuali (es. mascherine). 

Sui posti in metropolitana e sugli autobus ci saranno dei maker, simboli che indicheranno su quali sedili si potranno sedere i passeggeri per garantire la distanza di sicurezza. Visto che i mezzi avranno un numero massimo di posti, sarà prevista una maggior frequenza nelle ore di punta. Per supportare anche delle modalità alternative di trasporto sono previsti anche degli incentivi per la mobilità alternativa e sostenibile, come biciclette e monopattini: l'ammontare delle risorse è al momento oggetto di discussione con il Ministero dell'economia, ma il meccanismo dovrebbe essere quello di anticipare parte dei soldi già stanziati per i prossimi anni.

Coronavirus e trasporti, flussi separati e controllo della temperatura

Un'altra misura per garantire il distanziamento sarà quella dei flussi divisi tra entrata e uscita, sia per quanto riguarda l'accesso ai mezzi pubblici che per l'ingresso nelle stazioni e negli aeroporti. Il mantenimento delle distanze va garantito (con segnaletica e percorsi guidati) anche negli spostamenti all'interno delle stazioni e nelle aree di attesa e sosta dei passeggeri.

Previsione di misure per la gestione dei passeggeri e degli operatori nel caso in cui sia accertata una temperatura corporea superiore a 37,5° C. Adozione di sistemi di informazione e di divulgazione, nei luoghi di transito dell’utenza, relativi al corretto uso dei dispositivi di protezione individuale, nonché sui comportamenti che la stessa utenza è obbligata a tenere all’interno delle stazioni, degli aeroporti, dei porti , e dei luoghi di attesa, nella fase di salita e discesa dal mezzo di trasporto e durante il trasporto medesimo.

Adozione di misure organizzative, con predisposizione di specifici piani operativi, finalizzati a limitare nella fase di salita e di discesa dal mezzo di trasporto, negli spostamenti all’interno delle stazioni, degli aeroporti e dei porti, nelle aree destinate alla sosta dei passeggeri e durante l’attesa del mezzo di trasporto, ogni possibile occasione di contatto, garantendo il rispetto della distanza interpersonale minima di un metro.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, dalle mascherine ai posti "segnati": cosa cambia per i trasporti

Today è in caricamento