Martedì, 22 Giugno 2021
RIFORME

Enti locali, tagli alla sanità e non solo: tutte le novità della riforma

C'è la polizza sanitaria da 50 euro per i pellegrini che arriveranno a Roma per il Giubileo. E ancora: taglio da 2,3 miliardi dei fondi trasferiti alle Regioni per garantire il servizio sanitario nazionale. Voce per voce, ecco le novità

ROMA - La polizza sanitaria da 50 euro per i pellegrini che raggiungeranno il nostro paese per il Giubileo, la vertenza dei precari lsu della Calabria, la conferma del taglio da 2,3 miliardi dei fondi trasferiti alle Regioni per garantire il servizio sanitario nazionale, l'assunzione di 2.500 agenti delle forze di polizia. E poi tante misure per permettere ai Comuni di chiudere i bilanci, di affrontare il riordino delle Province e di far fronte alle tante partite rimaste aperte per gli enti locali dopo la legge di stabilità. Il processo di conversione del decreto legge sugli enti territoriali è arrivato alla fine. La seconda lettura alla Camera ha confermato integralmente il testo del provvedimento approvato (sempre con la fiducia) la scorsa settimana dal Senato, dove invece un maxi-emendamento del Governo ha introdotto tantissime novità.

TAGLIO DA 2,3 MLD ALLA SANITA' - Nel decreto è stata recepita l'intesa siglata il 2 luglio scorso dal Governo e dalle Regioni, in sede di Conferenza Stato-Regioni, sulla spesa sanitaria e sulla revisione del patto triennale per la salute 2014-2016. Intese che hanno previsto una riduzione del livello complessivo del finanziamento del Servizio sanitario nazionale, pari a 2.352 milioni di euro annui, a decorrere dal 2015.

MULTE A MEDICI PER PRESCRIZIONI SUPERFLUE - Saranno multati i medici che prescriveranno degli esami superflui e inutili. Si prevedono infatti misure di riduzione del trattamento economico a carico del medico, in caso di 'comportamento prescrittivo' non conforme alle condizioni ed indicazioni stabilite dal decreto del ministro della Salute, previa intesa sancita in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome, che individuerà le condizioni di erogabilità e le indicazioni di appropriatezza prescrittiva delle prestazioni.

POLIZZA DA 50 EURO PER PELLEGRINI GIUBILEO - Per poter accedere alle prestazioni sanitarie del nostro paese, i pellegrini che arriveranno in Italia in occasione del prossimo Giubileo dovranno pagare un contributo volontario di 50 euro. La norma non riguarda i paesi che hanno accordi sanitari con l'Italia e i fondi saranno ripartiti tra le Regioni che erogheranno le prestazioni.

FONDI A REGIONE LAZIO PER SANITA' GIUBILEO - Per adeguare la rete ospedaliera e di emergenza del Lazio in vista del Giubileo per il prossimo anno sarà destinato un contributo di 33,5 milioni di euro alla Regione.

241 ASSUNZIONI ALL'AIFA - Sarà potenziato l'organico dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Fino al 2018 sono previste 241 assunzioni (massimo 80 l'anno) a tempo indeterminato.

2.500 ASSUNZIONI FORZE POLIZIA - In vista del Giubileo viene autorizzata l'assunzione straordinaria di 2500 unità delle forze di polizia. Il provvedimento prevede 1.050 unità nella Polizia e altrettanti nei Carabinieri e 400 nella Guardia di finanza. Prevista inoltre l'assunzione di 250 agenti dei Vigili dei fuoco.

POLIZIA PROVINCIALE - Il personale della polizia provinciale transiterà nei ruoli degli enti locali per lo svolgimento delle funzioni di polizia municipale. In questo settore, stop alle assunzioni nei Comuni tranne che per le esigenze stagionali.

LSU CALABRIA - La misura, arrivata in extremis e inserita nel maxi-emendamento del Governo, permette alla Regione Calabria di affrontare la vertenza dei lavoratori socialmente utili. Si tratta di circa 5mila lavoratori che aspettano di veder rinnovato il contratto a tempo determinato.

530 MILIONI AI COMUNI PER IMU-TASI - Vengono stanziati 530 milioni di euro destinati ai bilanci dei Comuni come fondo di perequazione Imu/Tasi. La cifra, che fino allo scorso anno era di 625 milioni, sarà ripartita per 472,5 milioni di euro in proporzione a quanto elargito a ogni Comune lo scorso anno. La restante parte sarà legata al gettito dell'Imu agricola.

90 MLN A REGIONI PER SERVIZI IMPIEGO - Sale da 70 a 90 milioni di euro il fondo destinato alle Regioni per sostenere il funzionamento dei servizi per l'impiego.

COMUNI POTRANNO ASSUMERE MAESTRE ASILI NIDO - E' stato superato il blocco assunzionale per il personale dei servizi educativi e scolastici comunali conseguente alla riforma delle Province. I Comuni potranno indire i concorsi per assumere le professionalità necessarie al funzionamento di nidi e scuole d'infanzia.

MENO SANZIONI PER ENTI LOCALI - Scendono dal 3% al 2% le sanzioni per le città metropolitane e le province che nel 2014 hanno sforato i parametri del patto di stabilità interno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enti locali, tagli alla sanità e non solo: tutte le novità della riforma

Today è in caricamento