Dal bonus bebè alle tasse sulle sigarette: come cambia il decreto legge fiscale

Un nuovo pacchetto di emendamenti ha rivoluzionato una buona parte del decreto legge collegato alla manovra economica: ecco le principali novità

Foto di repertorio Ansa

La conferma del bonus bebè, la mini imposta per sigarette elettroniche e stop al condono: queste sono soltanto alcune delle novità contenute nella 'carrellata' di emendamenti al decreto legge fiscale, collegato alla Manovra, depositato in commissione Finanze al Senato. Mentre la bocciatura della Commissione europea sul documento economico è ancora fresca, il nuovo pacchetto di emendamenti al dl fiscale apporta modifiche sostanziali al primo impianto. Ecco nel dettaglio quali sono i cambiamenti più importanti. 

Bonus bebè anche nel 2019

Tra le principali aggiunte rispetto al testo iniziale c'è il cosiddetto bonus bebè, che si temeva potesse non essere rinnovato. Invece l'incentivo alla natalità è stato confermato per il 2019: sarà di 960 euro che salgono fino a 1.152 euro dal secondo figlio. ''E' riconosciuto per ogni figlio nato o adottato dal primo gennaio 2019 al 31 dicembre 2019'' l'assegno di 80 euro ''corrisposto esclusivamente fino al compimento del primo anno di età ovvero al primo anno di ingresso nel nucleo familiare''. Dal secondo figlio in poi ''l'importo è aumentato del 20%''.

"Pacchetto famiglia", che cosa prevede: bonus bebè, congedi e voucher baby sitting

Mini imposta per le sigarette elettroniche

Un'altra novità riguarda le imposte sulle sigarette elettroniche, che passano dal 50% al 5%. Con la legge di bilancio 2018 è stata inserita una norma che introduceva il maxi tributo, mentre con la proposta di modifica si rivede la misura, riducendo drasticamente l'imposta.

Stop condono, arriva la sanatoria sulle irregolarità formali

L'articolo 9 del decreto fiscale, collegato alla manovra, che contiene le misure, viene totalmente riscritto con un emendamento presentato in commissione Finanze al Senato, che cambia titolo e diventa 'Irregolarità formali'. La nuova norma consente di regolarizzare gli errori lievi fatti nelle dichiarazioni dei redditi, dell'Irap e dell'Iva, pagando un forfait di 200 euro per ogni anno d'imposta, fino a un massimo di 5 anni.

Rottamazione ter, si potrà pagare a rate

Chi aderisce alla rottamazione ter potrà saltare il suo debito con il fisco dividendo l'importo dovuto in 18 rate, da spalmare su 5 anni. La commissione Finanze del Senato ha approvato un emendamento del Movimento 5 stelle, che modifica la norma contenuta nel decreto legge collegato alla manovra. La norma, arrivata a palazzo Madama, prevede il versamento, in un'unica rata, entro il 31 luglio 2019. La proposta di modifica consente, inoltre, anche di dividere il pagamento in quattro rate annuali, con la prima da versare sempre entro il 31 luglio 2019, la seconda entro il 30 novembre (ciascuna pari al 10% dell'importo dovuto), la terza entro il 29 febbraio e la quarta entro il 31 maggio.

Tassati i money transfer

Arriva la ritenuta dell'1,5% sui money transfer, i trasferimenti in denaro che dall'Italia vanno fuori dall'Unione europea. ''A decorre dal primo gennaio 2019 -si legge nella proposta di modifica- è istituita un'imposta sui trasferimenti di denaro, a esclusione delle transazioni commerciali, effettuati verso Paesi non appartenenti all'Unione europea''.

Manovra, la sfida impossibile all'Europa col "mattone di Stato"

Casinò, arriva il commissario straordinario

Arriva il commissario straordinario, per la gestione della casa da gioco del comune Campione d'Italia. Il commissario straordinario, che dovrà essere nominato entro 30 giorni dalla data di conversione del decreto legge, avrà l'incarico di ''valutare la sussistenza delle condizioni per l'individuazione di un nuovo soggetto giuridico per la gestione'' del casinò.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I danni del maltempo

Mezzo miliardo di euro per costruire case, sistemare strade e piantare alberi, nelle zone che quest'anno sono state colpite dal maltempo. ''Al fine di far fronte alle esigenze derivanti dagli eventi calamitosi verificatesi nei mesi di settembre e ottobre dell'anno 2018 -si legge nella proposta- è istituito un fondo con una dotazione iniziale di 474,6 milioni di euro per l'anno 2019 e 50 milioni per l'anno 2020'', per un totale di 524,6 milioni di euro nel biennio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La prima giornata di Garko 'libero' è con Eva Grimaldi e Imma Battaglia (VIDEO)

  • Francesco Testi rompe il silenzio: "Ecco perché a Garko ha fatto comodo fingersi etero"

  • Gabriel Garko rompe il silenzio dopo il coming out: "Camminerò con le mie gambe, ma non sui tacchi"

  • Gabriele Rossi scrive a Garko dopo il coming out. L'applauso dei vip, da Grimaldi a Monte

  • Gabriel Garko finalmente libero ma non da certe montature

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 26 settembre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento