rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Il maxi decreto Sostegni

Bonus bollette e nuovi ristori per i danneggiati dal Covid: il governo approva il nuovo decreto Sostegni

Il consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge "sostegni ter" che contiene sia gli interventi contro il caro energia che le misure con le risorse per le attività commerciali.

Il governo ha varato le nuove norme per contenere i rincari e i nuovi ristori per i comparti più colpiti dalle ultime strette anti-Covid. Il consiglio dei ministri ha infatti approvato un nuovo decreto legge "sostegni ter" che contiene sia gli interventi contro il caro energia che le misure con le risorse per le attività commerciali. In particolare a 40 milioni di euro sono destinati a organizzatori di feste e cerimonie, ristoranti e attività di ristorazione mobile, bar e altri esercizi simili senza cucina, gestione di piscine.

 La bozza del decreto, che si compone di 29 articoli, contiene anche le misure contro il caro bollette. Partiamo da qui.

Bollette, cosa cambia con il nuovo decreto Sostegni

  • Sono stati annullati gli oneri di sistemi a tutte le imprese per il primo trimestre, una misura che vale da sola 1,2 miliardi;
  • un credito d'imposta pari al 20% delle spese elettriche è riconosciuto alle imprese energivore(3800 imprese circa) che hanno subito un incremento dei costi del 30% rispetto a 2019;
  • dal primo febbraio al 31 dicembre gli impianti fotovoltaici incentivati con vecchi sistemi se hanno un extra profitto devono riversarne una parte al Gse tramite compensazione. 

Bollette: ecco perché il decreto Sostegni non aiuta le famiglie 

Vediamo nel dettaglio. 

Per ridurre gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, l'Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera) provvede ad annullare, per il primo trimestre 2022, con decorrenza dal primo gennaio 2022, le aliquote relative agli oneri generali di sistema applicate alle utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW, anche connesse in media e alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico.

Con il decreto legge sostegni ter arrivano 540 milioni di euro per l'anno 2022 per ridurre le bollette alle aziende energivore. In particolare è riconosciuto un contributo straordinario a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti, sotto forma di credito di imposta, pari al 20% delle spese sostenute "per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel primo trimestre 2022 dalle imprese a forte consumo di energia elettrica i cui costi per kWh della componente energia elettrica, calcolati sulla base della media dell'ultimo trimestre 2021 ed al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, hanno subìto un incremento del costo per KWh superiore al 30% relativo al medesimo periodo dell'anno 2019, valutato anche tenuto conto di eventuali contratti di fornitura di durata stipulati dall'impresa. Il credito d'imposta, si precisa nel provvedimento, "non concorre alla formazione del reddito d'impresa né della base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive". Il credito d'imposta, si sottolinea, "è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive, non porti al superamento del costo sostenuto". Il credito d'imposta, si legge, "può essere ceduto, anche parzialmente, con esclusione della facoltà di successiva cessione da parte del cessionario ad altri soggetti, compresi le banche e gli altri intermediari finanziari". 

Decreto sostegni, i nuovi ristori

Con il decreto sostegni ter aumentato di 100 milioni Il Fondo unico nazionale del turismo, in aggiunta ai 120 milioni stanziati con la legge di bilancio. Arriva il bonus affitti per le attività in difficoltà, che operano nel settore del turismo per i primi 3 mesi del 2022 e per una spesa di 128,1 milioni di euro. Il credito d'imposta è pari al 60% dell'ammontare mensile del canone di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell'attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all'esercizio abituale e professionale dell'attività di lavoro autonomo. Il bonus spetta a condizione che ''i soggetti ivi indicati abbiano subìto una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento dell'anno 2022 di almeno il 50% rispetto allo stesso mese dell'anno

I datori di lavoro di bar, ristoranti, hotel, mense, sale da ballo e discoteche che, a decorrere dalla data del primo gennaio 2022 fino al 31 marzo 2022, sospendono o riducono l'attività lavorativa per ricorrere alla cassa integrazione, sono inoltre esonerati dal pagamento della contribuzione addizionale.

Con il decreto sostegni viene inoltre concesso più tempo per usufruire dei buoni per i servizi termali. "In considerazione della permanente situazione di emergenza epidemiologica, i buoni per l'acquisto di servizi termali, non fruiti alla data dell'8 gennaio 2021, sono utilizzabili entro la data del 31 marzo 2022".

Arrivano nuovi contributi per il settore dei trasporti, ancora penalizzato dall'emergenza Covid. Per il trasporto pubblico locale, la bozza del nuovo dl Sostegni stanzia 80 milioni per i servizi aggiuntivi "programmati al fine di far fronte agli effetti derivanti dalle limitazioni poste al coefficiente di riempimento dei mezzi" e, se in eccesso, anche per le attività di controllo a bordo dei mezzi. Per gli autobus privati è istituito invece presso il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) un fondo da 15 milioni. Nel settore ferroviario, sono destinati a Rfi 10 milioni l'anno dal 2022 al 2034 per ridurre il canone di utilizzo della rete da parte di altri operatori.

Non accolta invece la proposta di sostegno all'automotive per mancanza delle necessarie risorse.

Mascherine Ffp2 alle scuole

Arrivano 45,22 milioni per fornire gratuitamente mascherine Ffp2 agli alunni, gli insegnanti e il personale scolastico in autosorveglianza. ino a fine febbraio, le istituzioni scolastiche potranno acquisire le Fpp2 necessarie nelle farmacie o presso gli altri rivenditori autorizzati che abbiano aderito al protocollo d'intesa del 4 gennaio, che prevedeva un costo di 0,75 centesimi a mascherina.

Al fine di assicurare la fornitura di mascherine di tipo FFP2 a favore degli alunni e del personale scolastico in regime di autosorveglianza, le farmacie e gli altri rivenditori autorizzati che hanno aderito al protocollo d'intesa, forniscono tempestivamente le suddette mascherine alle medesime istituzioni scolastiche.

Giro di vite contro le frodi sui bonus in edilizia

Il nuovo dl ristori ter prevede, infatti, "misure di contrasto alle frodi nel settore delle agevolazioni fiscali ed economiche". In particolare, la misura riguarda la cessione del credito prevedendo che questo sia cedibile una sola volta ("senza facoltà di successiva cessione"). Per i crediti già oggetto di cessione al 7 febbraio è possibile una sola ulteriore cessione. La violazione delle nuove norme determinerà la nullità delle cessione del credito.

Indennizzi per i danneggiati dai vaccini anti covid

Tra le novità che trovano spazio nel nuovo decreto sostegni anche gli indennizzi per tutti i danneggiati da vaccinazione "raccomandata" anti Covid. Come si legge nel testo del decreto ''Coloro che abbiano riportato lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, a causa della vaccinazione anti covid'' sono previsti rimborsi per una spesa complessiva di 150 milioni di euro, di cui 50 saranno stanziati nel 2022 e 100 nel 2023. 

Bonus bollette e nuovi ristori per i danneggiati dal Covid: il governo approva il nuovo decreto Sostegni

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus bollette e nuovi ristori per i danneggiati dal Covid: il governo approva il nuovo decreto Sostegni

Today è in caricamento