Lunedì, 17 Maggio 2021
bonus

Detrazioni, bonus e spese sanitarie: la beffa nella dichiarazione dei redditi

Chi ha un reddito basso rischia di recuperare molto meno di chi è benestante. Ecco perché

Immagine d'archivio

Com’è noto le spese sanitarie possono essere portate in detrazione in sede di dichiarazione dell’Irpef. Ciò che però non tutti sanno è che la detrazione, pari al 19%, si applica solo per le spese che superino la franchigia fissata a 129,11 euro. Se ad esempio sosteniamo una spesa di 200 euro, avremo diritto ad una detrazione del 19% su circa 71 euro. In sostanza pochi spiccioli. Come spiega l’Agenzia delle Entrate, la detrazione spettante è pari al 19% della differenza tra il totale della somma spesa e la franchigia di 129,11 euro.

Chi ha un reddito basso (e anche sulla salute tende a risparmiare) rischia dunque di non recuperare nulla, o quasi nulla, delle spese sostenute, come già dimostrato qualche mese fa da uno studio dell’università Ca’ Foscari di Venezia e dell’ateneo di Pavia. Secondo i ricercatori "le spese detraibili sono più elevate per le classi più alte di reddito individuale" e di fatto "la detrazione Irpef per le spese sanitarie premia i contribuenti più ricchi e aumenta la disuguaglianza di salute tra le famiglie italiane".

Il motivo è presto detto: non c'è alcun limite di reddito per accedere alle detrazioni, la cui eliminazione comunque "non è auspicabile", spiegano i ricercatori. E' però  "importante studiare i modi per far sì che questo importante strumento non provochi degli effetti indesiderati". Cosa che finora, in tutta evidenza, non è stato fatto.

Un discorso simile ovviamente può essere fatto non solo per le spese sanitarie, ma anche per le altre detrazioni e bonus elargiti generosamente dallo Stato: si pensi ad esempio al bonus mobili o al bonus ristrutturazioni. Si tratta di agevolazioni di cui beneficia in larga parte chi ha abbastanza denaro per potersi permettere interventi di questo genere.

Bonus tv e decoder: cos'è e a chi spetta

Il paradosso è che con le loro tasse, i più poveri finanziano detrazioni a cui accedono con più facilità le classi sociali più benestanti. Ma questa non è certo una novità, come ha rimarcato di recente Nicola Rossi, presidente dell'Istituto Bruno Leoni. "Il sistema attuale - ha spiegato Rossi - è un paradiso per le persone più abbienti, anche perché molte detrazioni, deduzioni, bonus e trattamenti di favore sono utilizzati soprattutto dai ricchi. Dubito che nei quartieri più poveri si utilizzi il bonus giardini, si scarichino le spese per il veterinario o la palestra". 

Bonus mobili, così si può spendere anche la metà

Tornando alle spese sanitarie va detto che però che alcune spese sostenute per le persone con disabilità sono invece ammesse integralmente alla detrazione del 19%, senza applicare la franchigia di 129,11 euro .

Spese sanitarie, la guida sul sito dell'Agenzia delle Entrate

Ricordiamo che è possibile detrarre dall’Irpef le spese mediche e sanitarie sostenute sia per conto dello stesso contribuente che per il coniuge, del familiare a carico o non a carico, o di un disabile. L'importo massimo di 6.197,48 euro riguarda solo le spese sanitarie sostenute per familiari non a carico affetti da patologie esenti.

La detrazione vale anche per le spese mediche sostenute all'estero, che seguono lo stesso trattamento previsto per quelle effettuate in Italia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detrazioni, bonus e spese sanitarie: la beffa nella dichiarazione dei redditi

Today è in caricamento