Martedì, 28 Settembre 2021
ECONOMIA

Tormento senza fine: record storico per la disoccupazione giovanile

Bagno di sangue per i giovani tra i quindici e i ventiquattro anni: tasso di disoccupazione di giugno al 43,7%, il più alto dal 1977. Si salvano gli adulti: migliora l'occupazione

ROMA - Si salvano i più "anziani". Piangono ancora i più giovani. Scende la disoccupazione a giugno, ma restano allarmanti i dati che riguardano i ragazzi, con un nuovo record storico. Secondo l'Istat, il tasso di disoccupazione dei giovani tra i quindici e i ventiquattro anni si attesta a giugno al 43,7%, il livello più alto dal 1977, con una crescita di 0,6 punti sul mese precedente e di 4,3 su base annua.

Il tasso di occupazione giovanile, pari al 15,1%, diminuisce di 0,5 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,5 punti nei dodici mesi. Il numero di giovani disoccupati, pari a 701 mila, diminuisce dello 0,7% nell'ultimo mese, -5 mila, mentre aumenta dell'8,0% rispetto a dodici mesi prima, +52 mila. L'incidenza dei giovani disoccupati tra i quindici e i ventiquattro sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari all'11,7%.

L'incidenza diminuisce di 0,1 punti percentuali nell'ultimo mese, mentre aumenta di 0,9 punti rispetto allo scorso anno. Aumenta anche il numero degli inattivi, arrivando a 4 milioni 376 mila, in aumento dello 0,7% nel confronto congiunturale, +32 mila, e dello 0,1% su base annua, +2 mila. Il tasso di inattività dei giovani, pari al 73,2%, cresce di 0,6 punti percentuali nell'ultimo mese e di 0,5 punti nei dodici mesi.

Secondo l'Istat, però, migliora l'occupazione dei "non giovani" a giugno. Il mese scorso il tasso di disoccupazione è arrivato al 12,3%, in diminuzione di 0,3 punti percentuali in termini congiunturali ma in aumento di 0,1 punti nei dodici mesi. Sempre a giugno, gli occupati sono 22 milioni 398 mila, in aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente, +50 mila, e sostanzialmente invariati su base annua. Il tasso di occupazione, pari al 55,7%, cresce di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,1 punti rispetto a dodici mesi prima. Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 153 mila, diminuisce del 2,4% rispetto al mese precedente, +78 mila, mentre aumenta dello 0,8% su base annua, +26 mila.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tormento senza fine: record storico per la disoccupazione giovanile

Today è in caricamento