Assegno di disoccupazione, quando si perde e quando viene sospeso

Sono diversi i casi in cui un disoccupato rischia di perdere l'assegno Naspi: ecco quali sono 

Foto di repertorio

Il disoccupato è colui (o colei) che, privo di occupazione stabile, è alla ricerca di un posto di lavoro. Ma per essere riconosciuti dalla legge come disoccupati bisogna prima presentare la richiesta al Centro per l'impiego. Il riconoscimento dello stato di disoccupato, infatti, è fondamentale per richiedere la disoccupazione.

Il riconoscimento è riservato a coloro che hanno perso l'ultimo lavoro per cause estranee alla propria volontà, come ad esempio in seguito ad un licenziamento o a un mancato rinnovo del contratto, e non è eterno: ci sono infatti delle situazioni che comportano la perdita della disoccupazione e - quando prevista - della Naspi.

Naspi 2018, via alla sperimentazione: nuove modalità per presentare domanda

Perdita e sospensione della Naspi

Ad esempio, lo stato di disoccupato si perde automaticamente in seguito alla terza assenza ingiustificata ad una convocazione da parte del Centro per l’impiego. Per le prime due assenze ingiustificate, invece, è prevista solamente una decurtazione della Naspi.

Un'altra fattispecie che comporta la perdita della disoccupazione è quella dell'assenza ingiustificata ad un'iniziativa di politica attiva selezionata apposta per il disoccupato dal Centro per l'impiego. In questo caso alla prima assenza si procede con la decurtazione della Naspi, mentre con la seconda si perde direttamente lo stato di disoccupato.

Un assegno per gli ex lavoratori dipendenti: chi ne ha diritto (e cosa non dovete fare)

Non comporta la perdita automatica della disoccupazione, invece, l'aver trovato un nuovo lavoro, poiché ciò dipende dalla durata del contratto e dall'importo della retribuzione percepita. Nel dettaglio, la disoccupazione non si perde - ma viene sospesa - per i contratti di lavoro subordinato di durata inferiore ai 6 mesi. Lo stesso vale per quelle retribuzioni annue inferiori a 8.000€ (per il lavoro subordinato) o a 4.800€ (per gli autonomi).

Infine, la disoccupazione si perde quando non si accetta un'offerta di lavoro congrua - in base a stipendio offerto e tipologia dell’incarico - presentata dal Centro per l’impiego senza motivare il rifiuto con una giustificazione valida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prende il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere 78 auto intestate

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere per il bonus "pieno" di 100 euro

  • In arrivo il bonus Tari: come funziona lo sconto sulla bolletta dei rifiuti

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Roberta Girotto, mamma scomparsa: ritrovato il suo corpo nel fiume

Torna su
Today è in caricamento