Martedì, 26 Ottobre 2021
ECONOMIA

Un Pil stupefacente: nel calcolo entrano droga e prostituzione

Dal 2014 tutti i Paesi dell'Ue, compresa l'Italia, inseriranno nei conti una stima delle attività illegali, compreso il contrabbando di sigarette e alcolici

ROMA - A partire dal 2014 entreranno nel calcolo del Pil anche il traffico di sostanze stupefacenti, i servizi della prostituzione e il contrabbando di sigarette o alcolici. Tutti i Paesi dell'Unione europea, compresa l'Italia, dovranno inserire nei conti una stima delle attività illegali.

La novità rientra nelle modifiche condivise a livello europeo e connesse, evidenzia l'Istat, al "necessario superamento di riserve relative all'applicazione omogenea tra paesi Ue degli standard già esistenti". Nello specifico, tra le riserve trasversali avanzate ce ne è una, sottolinea l'Istituto, che "ha una rilevanza maggiore", in quanto, appunto, riguarda l'inserimento nei conti delle attività illegali, che già il precedente sistema dei conti nazionali, datato 1995, aveva previsto, "in ottemperanza al principio secondo il quale le stime devono essere esaustive, cioè comprendere tutte le attività che producono reddito, indipendentemente dal loro status giuridico". 

L'Istat riconosce come la misurazione delle attività illegali sia "molto difficile, per l'ovvia ragione - spiega - che esse si sottraggono a qualsiasi forma di rilevazione, e lo stesso concetto di attività illegale può prestarsi a diverse interpretazioni". Ecco che, aggiunge, "allo scopo di garantire la massima comparabilità tra le stime prodotte dagli stati membri, Eurostat ha fornito linee guida ben definite. Le attività illegali di cui tutti i paesi inseriranno una stima nei conti (e quindi nel Pil) sono: traffico di sostanze stupefacenti, servizi della prostituzione e contrabbando (di sigarette o alcol)". Quindi viene almeno circoscritto il range per mettere a punto una stima del peso di quest'area.

A riguardo può essere utile ricordare come l'Istat già inserisca nel Pil il sommerso economico, che deriva dall'attività di produzione di beni e servizi che, pur essendo legale, sfugge all'osservazione diretta in quanto connessa al fenomeno della frode fiscale e contributiva. Le ultime stime dedicate risalgono al 2008, e indicano come il valore aggiunto prodotto nell'area del sommerso sia compreso tra un minimo di 255 e un massimo 275 miliardi di euro. Il peso dell'economia sommersa è quindi stimato tra il 16,3% e il 17,5% del Pil.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un Pil stupefacente: nel calcolo entrano droga e prostituzione

Today è in caricamento