rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Assicurazioni

Boom in borsa per i titoli Unipol e UnipolSai dopo l’annuncio della fusione tra le due società

Il riassetto manterrà una sola società quotata. In coincidenza con l’annuncio UnipolSai ha rilasciato i preliminari 2023 chiusi con una raccolta premi pari a 15 miliardi di euro

È un venerdì d’oro quello degli azionisti di Unipol e della sua controllata all’85% UnipolSai, entrambe quotate in borsa a Piazza Affari rispettivamente nel paniere principale Ftse Mib e in quello cosiddetto delle “mid cap”, dove sono scambiate le aziende a media capitalizzazione. Con una mossa a sorpresa, non anticipata da rumours nei giorni scorsi, i vertici delle due società - guidate dal manager Carlo Cimbri - hanno deciso di procedere a una fusione che è stata apprezzata dagli investitori, con rialzi dei titoli anche superiori al 20% per Unipol e di circa il 12% per Unipol Sai. Che si è avvicinata a molto a 2,7 euro.

L'offerta pubblica

Questo valore non è casuale perché nell’ambito di questa operazione Unipol lancerà a proprio a quel prezzo un’offerta pubblica di acquisto sul 14,75% delle azioni della controllata che ancora non possiede, in modo da cercare di ritirarle tutte dal mercato nel momento in cui si procederà alla fusione che la incorporerà nella sua controllante. Il concambio di fusione è pari a 3 azioni Unipol ogni 10 UnipolSai possedute. Ciò per lasciare la possibilità ai soci UnipolSai che non vogliono aderire all’opa l’alternativa scambiare le proprie azioni con quelle Unipol e continuare a restare azionisti della società che nascerà dall’integrazione tra le due entità. Il riassetto manterrà una sola società quotata.

Unipol, controllata dal sistema cooperativo che ruota intorno alla potente Legacoop presieduta ora da Simone Gamberini, ha spiegato che l’operazione servirà a razionalizzare la struttura societaria del gruppo assicurativo, il secondo in Italia dopo Generali, e semplificare i processi decisionali interni. Ci saranno anche sinergie di costo e ottimizzazioni finanziarie legate alla solidità del gruppo.

L’operazione straordinaria tra le due società è stata annunciata in coincidenza con i risultati preliminari del 2023 di UnipolSai chiusi con un utile netto consolidato pari a 766 milioni di euro, in rialzo rispetto ai 651 milioni del 2022. Approvato un dividendo pari a 0,165 euro per ogni azione.

Nel 2023 il gruppo ha raccolto premi per circa 15 miliardi di euro, in crescita del 10,4% rispetto al 2022. La raccolta diretta di gruppo nel settore danni è cresciuta del 4,2% a 8,6 miliardi di euro, quella del settore vita è salita del 20% a 6,4 miliardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom in borsa per i titoli Unipol e UnipolSai dopo l’annuncio della fusione tra le due società

Today è in caricamento