Perché lo scandalo Volkswagen può segnare la fine del diesel

Secondo molti esperti la coperta è corta: per le auto a gasolio sarà sempre più difficile garantire prestazioni adeguate rispettando gli standard di inquinamento

Lo scandalo Volkswagen potrebbe rappresentare l’inizio della fine per i motori diesel. All'indomani dell'ammissione da parte di  Berlino di aver truccato i test anche in Europa (2,8 milioni le vetture interessate nella sola Germania), molti commentatori profetizzano il canto del cigno delle auto alimentate a gasolio.

In Europa il motore inventato nel 1892 dal tedesco Rudolf Diesel equipaggia il 53% delle auto (il 55% in Italia), ma questo dato potrebbe non bastare a scongiurarne l’uscita dal mercato. 

Il punto centrale è sempre lo stesso: le emissioni. E la coperta è corta: c’è chi calcola che il diesel, adeguato effettivamente alle norme anti inquinamento, finirà per costare tanto di più alle aziende.

A meno di non sacrificare le prestazioni: in tal caso, però, si può facilmente immaginare che la clientela si dirigerà su altre tipologie di auto. 

Ma c’è anche un’altra grana per i costruttori di auto diesel: per mantenere le promesse di risparmio sui consumi (e quindi sulle emissioni di anidride carbonica) si aumentano quelle di ossidi di azoto. E viceversa. 

Un 'paradosso' spiegato molto bene nei giorni scorsi da Valerio Berruti su Repubblica

"Più si abbassano i limiti più si alzano i costi. E soprattutto più diventa evidente che non è possibile abbattere contemporaneamente le polveri sottili (il cosiddetto particolato) e gli ossidi di azoto (NOx). Al punto che molti esperti sostengono che le auto a gasolio hanno emissioni in media sette volte superiori ai parametri richiesti dai regolamenti. E che oltre ai costi stratosferici per abbassare i limiti d’inquinamento, l’industria dovrebbe rinunciare alle prestazioni, elemento d’acquisto ormai fondamentale per i modelli diesel". 

Anche l’Economist, in un articolo uscito oggi sul magazine, scommette sulla fine del diesel e preconizza l’avvento del motore elettrico. Se lo scandalo VW significherà la morte dei motori diesel, scrive l'Economist, "così sia". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C’è ancora spazio per migliorare i motori a benzina o per passare a auto più pulite, a metano o a idrogeno (…) Se il comportamento di VW affretterà  la morte del diesel, ciò potrebbe portare , dopo tante false partenze , all’inizio dell'era dell'auto elettrica".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: un 5stella vince 1.952.527 euro

  • Nuovo Dpcm, ci siamo (quasi): le regole in vigore dal 10 agosto, cosa cambia per gli italiani

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 8 agosto 2020

  • Amadeus e Fiorello inseparabili: eccoli in vacanza con le mogli prima di Sanremo 2021

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 4 agosto 2020

  • Il cambiamento di Gianni Sperti: “Superare il pregiudizio è stata la vittoria più grande”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento