Venerdì, 5 Marzo 2021

L'esercito dei finti poveri: 6 su 10 ricevono un sussidio che non meritano

In attesa di capire se, quando e come, verrà attuato il reddito di cittadinanza, arrivano i dati allarmanti della Guardia di Finanza: sono ancora moltissimi i 'furbetti' che con false dichiarazioni riescono ad ottenere prestazioni sociali agevolate e l'esenzioni dal ticket sanitario

Guardia di Finanza (FOTO ANSA)

Il reddito di cittadinanza è tra le misure che il governo Lega-M5s ha intenzione di introdurre nella prossima Manovra economica. Una misura contro la povertà pensata per aiutare quelle persone e quei nuclei familiari che hanno un reddito inferiore a determinate soglie che garantiscono una vita dignitosa. Ma, in attesa che questo sussidio diventi realtà, c'è un problema ben maggiore a cui dover far fronte: l'alto numero di 'furbetti' che con false dichiarazioni riescono a beneficiare di prestazioni sociali agevolate e esenzioni dai ticket sanitari, pur non avendone diritto. Una questione non da poco visto che, secondo i dati sulle verifiche effettuate dalla Guardia di Finanza nei primi sei mesi del 2018, sono almeno sei su dieci i cosiddetti 'finti poveri'. 

Un dato allarmante in vista della possibile attuazione del reddito di cittadinanza, che allo stato attuale rischia di finire anche nelle tasche di chi non ne avrebbe realmente bisogno. A tal proposito il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha annunciato un “piano anti-abusi”, mentre il vicepremier Di Maio ha paventato pene e sanzioni molto pesanti in caso di 'furbetti'. Ma quanto sono questi falsi poveri? Secondo i dati snocciolati dal Sole24Ore, su 8.847 persone controllate nei primi 6 mesi dell'anno, 5.435 non avevano le carte in regola per ricevere agevolazioni che sono state già richieste o addirittura incassate. Un numero elevatissimo. 

Le irregolarità sui ticket sanitari

Una delle criticità maggiori evidenziate dai dati delle Fiamme Gialle è quella che riguarda i ticket sanitari, dove le irregolarità sono state riscontrate in 9 casi su 10, 3.367 su 3.611 verifiche, pari a circa il 90%. E' in calo invece il numero di 'furbetti' delle prestazioni sociali, molto probabilmente grazie all'introduzione del nuovo modello Isee, che prevede controlli preliminari da parte dell'Agenzia delle Entrate e dell'Inps.

Reddito di cittadinanza, tutto via bancomat: come verrà erogato

Controlli e database

Nel capitolo del Def che riguarda il reddito di cittadinanza non vengono menzionate voci su eventuali controlli e modalità di verifica dei beneficiari. Quel che è certo è che i controlli effettuati fino a questo momento dalla Guardia di Finanza riguardano meno dello 0,05% dei contribuenti che potenzialmente potrebbero avere accesso al sussidio. Secondo quanto dichiarato dal sottosegretario all'Economia, Laura Castelli, i controlli potrebbero avvenire attraverso l'incrocio di diverse banche dati. Ma l'incrocio di molteplici database non mette al sicuro da alcuni comportamenti scorretti: ad esempio, chi percepisce denaro in nero e fa la spesa in contanti potrebbe sempre 'apparire' al Fisco come un finto povero pur non essendolo, ottenendo così il reddito di cittadinanza.

Cosa rischiano i 'furbetti' del reddito

Per disincentivare eventuali 'furbetti' che con false dichiarazioni potrebbero accaparrarsi il reddito di cittadinanza pur non meritandolo, è arrivata la 'minaccia' del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio: “Abbiamo inserito in questa norma anche una serie di misure che contrastano i furbi. Se imbrogliano si beccano fino a sei anni di galera per dichiarazioni non conformi alla legge”. Un modo per far sì che il sussidio vada in tasca soltanto agli onesti e a chi ne ha veramente bisogno. Allo stato attuale delle cose, chi dovesse barare per ottenere agevolazioni o benefici assistenziali rischia da sei mesi a tre anni di reclusione e una sanzione da 51 a 1.032 euro, con le pene che diventano ancor più aspre se la truffa è ai danni dello Stato o di un ente pubblico. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'esercito dei finti poveri: 6 su 10 ricevono un sussidio che non meritano

Today è in caricamento